I 5 luoghi segreti del Friuli Venezia Giulia

Quanto conosci questa regione?
Scopri con noi 5 luoghi segreti del Friuli Venezia Giulia.

Oggi ti portiamo a scoprire una regione che potremmo definire ricca di contrasti, ma anche di armonie uniche.

Infatti il Friuli Venezia Giulia è un vero crocevia: di culture (italiana e slava) e di panorami (un mare brillante e altissime dolomiti). 
Contrasti tra loro in sintonia e che rendono questa piccola regione stracolma di meraviglie!

Le principali città del Friuli Venezia Giulia sono Udine, Gorizia, Trieste e Pordenone. Tutte profondamente diverse, ma in egual modo simboli di questa regione.
Queste città non sono solo portatrici di bellezza e arte, ma rappresentano le zone più turistiche e movimentate del Friuli-Venezia Giulia.

In questo articolo, cercheremo di staccarci da questi luoghi nevralgici, per soffermarci sul turismo lento della regione.

Scopriamo insieme cinque attrazioni poco conosciute, ma di una bellezza autentica e unica nel loro genere.

5 luoghi segreti del Friuli Venezia Giulia

AQUILEIA

Sapevi che in provincia di Udine risiede il più importante sito archeologico di tutto il settentrione?

Stiamo parlando della città di Aquileia, ovvero il più importante centro dell’Impero Romano.

Alcuni scavi hanno riesumato una città quasi completa, che conserva ancora luoghi come i bagni e i templi dell’antica Roma.

La rilevanza storica del sito ha permesso ad Aquileia di essere inserita tra i più importanti siti UNESCO. 

Oltre a questo, la città dispone di una certa rilevanza nel mondo cattolico.
Infatti qui sono presenti i resti della basilica di Santa Maria Assunta, che conserva mosaici e affreschi risalenti al IV secolo.

CIVIDALE DEL FRIULI

Poco lontano da Udine sorge un altro piccolo gioiello.

Cividale è un borghetto medievale ben curato e pieno di storia, entrato di diritto nei siti UNESCO.

Il centro abitato fu fondato da Giulio Cesare, nel 568 d.C., è stato poi sede del primo ducato longobardo in Italia e in seguito residenza dei reggenti aquileiani.

Il valore storico e artistico di questo borgo non sono i suoi unici pregi.

Aquileia – Ph. @ericgallet

Non potete immaginare il piacere unico di camminare per i vicoli di Cividale e fermarsi per pasteggiare in una qualsiasi delle sue osterie.

Infine di particolare bellezza sono: la riva fatta di pietra del fiume Acquamarina Natisone e il ponte del Diavolo, che attraversa questo fiume.

SAURIS

Come dicevamo all’inizio, forte peculiarità della regione sono le sue altissime montagne. Tra queste montagne è possibile scoprire un piccolo paesino molto particolare. Stiamo parlando di Sauris, borgo a 1400 m s.l.m., circondato da valichi e cime e diviso in due nuclei: Sauris di sotto e Sauris di sopra.

Caratteristica di questo borgo sono i rustici, costruiti secondo il modello Block Bau. Ovvero case formate da due piani: la parte bassa interrata e fatta di pietra, la parte alta costruita in legno. In questo modo le abitazioni risultano immerse nella natura, diventando un tutt’uno con la vallata circostante.

Sauris – Ph. @paola.toniutti

Un particolarità di questo paesino è che si parla ancora un dialetto antico e mistico, un dialetto tedesco Bavarese. Infatti il paese venne fondato nel XII secolo da due soldati tedeschi, che stavano fuggendo da una battaglia in mezzo alle montagne.

La nascita di questo paese ha portato alla genesi del suo dialetto, ovvero della lingua Saurana.

VENZONE

Conosci Venzone? Siamo in un paese che potremmo definire come un esempio perfetto di restauro architettonico.

Infatti, a causa del terremoto del 1976, la cinta muraria medievale del borgo venne rasa completamente al suolo.

Successivamente fu fedelmente ricostruita e l’intero paese fu dichiarato, dallo Stato italiano, monumento nazionale di grande interesse storico e artistico.

Un Monumento unico che contiene: il Duomo, il Palazzo Comunale, le alte mura e le antiche case contadine e signorili.

MOVADA

Il Friuli Venezia Giulia è anche chiamata la regione delle dighe.

Negli anni cinquanta vennero costruite molteplici e grandissime dighe, per imbrigliare l’energia dei fiumi e trasformarla in energia elettrica fruibile per tutti.

Sessant’anni fa, nella Valle Tramontina fu costruita la diga di Ponte Racli.

L’acqua del fiume Meduna, però, inondò la valle fino al lago di Redona e furono completamente sommersi tre paesi: Movada, Fleur e Vecchia Redona. Non ci furono morti e gli abitanti dei tre borghi si spostarono nelle più grandi città.

Oggi, durante i periodi di secca, l’acqua del lago si ritira e si assiste a uno scenario unico: i ruderi del borgo di Movada riemergono dall’acqua, regalando un’immagine ricca di fascino.

Questi erano solo 5 luoghi segreti del Friuli Venezia Giulia, tu ne conosci altri?

Taggaci nelle stories di Instagram su @yallersitalia e segui @yallersfriuliveneziagiulia, per scoprire quotidianamente le meraviglie di questa regione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Lascia un commento

Scopri l'Italia insieme a noi, unisciti alla nostra Community