Secret Pisa, un tour alla scoperta di una Pisa non convenzionale

Mettete un caldo pomeriggio di primavera, una bellissima città ricca di arte e storia, e tanti segreti da svelare. Così nasce Secret Pisa, un tour organizzato da Discovery Pisa con la collaborazione di Destination Italia, alla scoperta di una Pisa non convenzionale.

Ospiti del tour i ragazzi di Yallers Toscana, che hanno potuto ammirare da vicino molte delle opere più famose che la città dalla torre pendente ospita al suo interno. E’ così che gli Yallers hanno avuto la possibilità di conoscere l’origine di tradizioni ancor oggi vive nel cuore dei pisani.

Pisa

Pisa

Due in particolare sono stati i tour oggetto della giornata: il primo, partito sul finire della mattina, è stato dedicato interamente a Piazza dei Miracoli col suo Battistero, la Cattedrale e la celeberrima Torre Pendente.
Nonostante sia uno dei luoghi più visitati al mondo, molte sono le particolarità che arricchiscono ancor più di fascino tale angolo di città.

Lungo l'Arno - Pisa

Lungo l’Arno – Pisa

All’interno della Cattedrale è stato possibile ammirare alcune delle opere in esso contenute. Alessia, la guida di Discovery Pisa, ha mostrato ai partecipanti opere come il “pendolo” che, almeno secondo la leggenda, ispirò Galileo Galilei nelle sue scoperte di fisica e astronomia, la reliquia di San Ranieri e il bellissimo pavimento ancora in parte originale.

Reliquia San Ranieri

Reliquia San Ranieri

Ovviamente le curiosità sulla Torre Pendente non si contano, dai motivi che l’hanno resa appunto “pendente” ai riti scaramantici degli studenti universitari che ne fanno un simbolo apotropaico e profano al tempo stesso.

Nel pomeriggio, la seconda parte del tour si è snodata per le vie della città vecchia e ha toccato diversi punti di interesse: partendo da Piazza Vittorio Emanuele è stato impossibile non fermarsi davanti all’ultima opera muraria dell’artista Keith Haring, il famoso “Tuttomondo” considerato la sua opera principale e l’unica ad essere arrivata fino ai giorni nostri dopo la scomparsa prematura del writer.

Keith Haring tuttomondo

Keith Haring tuttomondo

Risalendo Corso Italia, che è una delle principali vie della città vecchia fin dall’antichità, la guida ha permesso agli ospiti di addentrarsi nella vita dei quartieri storici, con aneddoti e racconti che affondano le radici nelle antiche leggende.

Dopo il primo aperitivo in Piazza Garibaldi, per brindare all’eroe che a Pisa venne a curare la famosa ferita alla gamba, è stata la volta dell’Università degli Studi, una delle più antiche al mondo e del palazzo della Scuola Normale Superiore, con la sua facciata recentemente restaurata.

Per concludere questa giornata speciale, non poteva mancare l’aperitivo esclusivo sul rooftop del Grand Hotel Duomo, con vista su una Torre Pendente più romantica che mai, illuminata dai colori del tramonto.