Community

Pennabilli Experience: gli Yallers al festival artisti in piazza

Yallers Emilia Romagna e Yallers Marche insieme per l’Experience più artistica di sempre.

L’atmosfera che si respira a Pennabilli durante il festival Artisti in Piazza è elettrizzante e passeggiando per il paese si ha come la sensazione che da un momento all’altro possa succedere qualcosa di bello ed emozionante appena giri l’angolo o ti affacci in piazza. Ma andiamo con ordine!

Fortunatamente il ritrovo è la mattina presto quando ancora il borgo è quieto. I pochi turisti e le persone che affollano i suoi vicoli sono come formiche silenziose che contemplano un pezzo di pane. Abbiamo modo di raggrupparci con calma in piazza attendendo tutti gli Yallers così da poter fare tutti insieme la prima tappa d’obbligo al forno del paese: focacce farcite e bomboloni con la crema, neanche a dirlo, vanno a ruba.

foto di gruppo Yallers

gruppo Yallers

Con lo stomaco pieno e soddisfatti si ritorna in piazza dove ad attenderci c’è Linda, la referente dell’Associazione Culturale Ultimo Punto, grazie alla quale si è riusciti a vivere questa esperienza bellissima insieme alla ragazza della ProLoco che ci accompagnerà per il tour nei luoghi simbolo di Pennabilli.

Yallers nel museo Tonino Guerra

foto di @VeronicaSpanu

Nemmeno il tempo di una foto ricordo ai piedi della Cattedrale San Pio V  e si parte in quarta col nostro tour alla scoperta dei luoghi dell’anima di Tonino Guerra, poeta e sceneggiatore italiano. La prima tappa è la sua casa adibita a museo: un vero e proprio mausoleo dove è possibile immergersi a pieno in quella che è stata la vita del poeta e calarsi nel suo mondo. Un luogo magico da vivere e visitare con calma, assaporando ogni passo e godendo di ogni cosa che vi è al suo interno.

Proseguendo il tour ci si inoltra nel santuario dei pensieri, una stanza a cielo aperto delimitata dalle mura perimetrali di un’antica dimora malatestiana: contiene sette sculture in pietra definite sette specchi opachi per la mente. Ognuna di esse invita alla meditazione e ad un percorso introspettivo favoriti dal silenzio che ci circonda e dall’intimità del luogo.

luoghi dell'anima

foto di @stefaniacimarelli

Se non lo sapete ve lo diciamo noi: Pennabilli è considerato il piccolo Tibet Romagnolo. Senza addentrarci troppo nella storia completa, che lasciamo alla vostra curiosità,  vi sveliamo che il Dalai Lama visitò due volte questo borgo nell’alta Valmarecchia: la prima volta nel 1994 e la seconda nel 2005. Durante la seconda visita venne inaugurata una struttura metallica, posta sul colle che domina il paese, composta da una campana a tre mulini tipica della preghiera tibetana. In questa zona mistica ci siamo rilassati godendo della vista spettacolare sulle colline circostanti e sul paese di Pennabilli.

Scendiamo così verso la piazza e nel tragitto ci fermiamo nel museo l’angelo coi baffi, altro luogo dell’anima di Tonino Guerra, posto all’interno della ex Cappellina ai Caduti. Considerato il più piccolo museo al mondo, contiene una sola opera: un quadro del pittore milanese Luigi Poiaghi ispirato ad un breve racconto del poeta che è trascritto sulle pareti della piccola cappella.

Giusto il tempo di una birra ghiacciata per rinfrescarsi un po’ e si scende verso l’ultima tappa del nostro tour ai luoghi dell’Anima: l’orto dei frutti dimenticati.

selfie time yallers

foto di @beneberna

L’orto presenta piante da frutto tipiche della zona dell’Appennino dove ci troviamo, arbusti e anche il Gelso della Pace piantato a ricordare la visita del Dalai Lama del 1994, ma anche e sopratutto opere scultoree di artisti contemporanei e dello stesso Tonino Guerra: insomma un vero e proprio gioiello a cielo aperto.

Congedati dalla guida ci dirigiamo a pranzo dove la narrazione verrà stoppata anche perché è maleducazione parlare con la bocca piena.

Nel pomeriggio ha inizio il vero e proprio festival con spettacoli che si susseguono uno dopo l’altro a ritmo incessante e il borgo prende vita definitivamente: piazze e vicoli si riempiono di danze, esibizioni artistiche e canore, spettacoli di giocoleria, mimi e chi più ne ha più ne metta. Raccontarvi tutte le performance alle quali abbiamo assistito fino alla sera dopo cena e la gioia e il divertimento che abbiamo provato nel guardarle sarebbe impossibile.

Soci Yallers in posa

soci Yallers in posa

Chiudiamo il racconto della giornata Yallers con un bel momento di gruppo vissuto al castello dei Billi in cima ad una delle due rupi che contraddistinguono Pennabilli. Da lassù abbiamo potuto ammirare questo fantastico borgo da un’altra bellissima prospettiva e godere del panorama splendido che la Valmarecchia ha da offrire.

Pennabilli Experience finisce qua, grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento! Appuntamento quindi al prossimo anno, con Artisti in piazza, e al prossimo Yallers Experience per tutti i soci.

Ah già! Quasi dimenticavamo: complimenti a tutti coloro che hanno condiviso i loro scatti con noi su Instagram e Facebook, andiamo ora a premiare lo scatto che meglio raccontano questa giornata passata insieme!

Lo scatto vincitore del Pennabilli Experience è quello di….Nicola Mero!!

vincitrice Pennabilli Experience

@nicola_mero_71

Beh che dire di più, da Pennabilli è tutto: alla prossima Experience!

Se vuoi partecipare ad altri eventi simili a questo non ti resta che iscriverti: diventa Yallers anche tu, puoi farlo qui .

Related Posts