Home Statuto

Statuto

Clicca per scaricare lo statuto depositato

YALLERS A.P.S.

STATUTO (Allegato A)

DENOMINAZIONE E SEDE

Art. 1 – YALLERS Associazione di Promozione Sociale con sede in Porto San Giorgio (FM) alla via Enrico Medi, 21/C, più avanti chiamata per brevità Associazione o Yallers, è stata costituita il 16 Aprile 2015 con il nome di “CREATTIVAMENTE A.P.S.”, non ha scopo di lucro e svolge attività di utilità sociale a favore degli associati e di terzi. L’Associazione è stata costituita ai sensi della Legge 383/2000 e successive modifiche nonché nel rispetto degli art. 36 e seguenti del Codice Civile; la sede dell’Associazione potrà essere trasferita in qualunque altro luogo e in qualsiasi momento su decisione del Consiglio Direttivo. Lo stesso potrà decidere di istituire sedi decentrate, rappresentanze ed uffici nel resto d’Italia ed in Paesi Esteri, anche delegando i poteri amministrativi e gestionali a soggetti terzi. Il trasferimento della sede sociale non comporta modifica statutaria.

FINALITA’ E ATTIVITA’

Art. 2 – L’Associazione persegue le seguenti finalità:

  1. Promuovere la tutela, la salvaguardia, la conservazione, la valorizzazione, la fruizione, la conoscenza e la riscoperta del patrimonio naturale, archeologico, storico, artistico, culturale, folkloristico, antropologico ed enogastronomico del territorio italiano: in Italia e all’Estero;
  2. sviluppare correttamente attività di viaggio e turismo riconoscendo in esse un alto valore sociale, culturale ed economico nonché la conoscenza dei paesi e delle culture del mondo favorendo reciproca comprensione e rispetto fra i popoli;
  3. collaborare alla tutela e all’educazione verso il patrimonio storico, artistico e delle identità plurali dell’Italia in tutte le sue forme espressive, materiali e immateriali, considerate nel loro complesso beni e valori insostituibili da trasmettere alle generazioni future;
  4. favorire il contatto e la collaborazione tra soggetti che possiedano conoscenze e competenze inerenti alle finalità perseguite dall’Associazione stessa, anche al fine di favorire occasioni ed opportunità di lavoro tra gli associati e non. Si propone quindi come fulcro di una rete di esperti ed esperienze nei campi di interesse dell’Associazione stessa, da collegare ed utilizzare nella realizzazione delle sue iniziative;
  5. perseguire scopi di promozione sociale con la prevalente gratuità delle prestazioni dei soci e il funzionamento democratico dell’organizzazione in base alle regole statutarie;
  6. si ritiene che il perseguimento delle finalità suddette favorisca uno sviluppo sostenibile del territorio e un miglioramento della qualità della vita dei suoi abitanti;
  7. si ritiene che iniziative ed attività di turismo consapevole e responsabile rappresentino una forma di promozione e valorizzazione del territorio rispettosa dei valori e dei principi etici e morali in cui l’Associazione stessa si riconosce.

Tutte le finalità istituzionali verranno perseguite nel rispetto dei valori e dei diritti umani civili e sociali e nel pieno rispetto delle leggi e normative vigenti.

Art. 3 – L’Associazione realizza i propri scopi con le seguenti attività:

  • Sensibilizzare, comunicare, informare, divulgare, educare e formare sulle tematiche di interesse dell’Associazione;
  • fare attività di ricerca scientifica, tecnica, storica, archeologica, artistica, antropologica e sociologica, finalizzata ad acquisire ed approfondire le conoscenze nei campi di interesse dell’Associazione;
  • promuovere la salvaguardia e la protezione dei beni culturali del territorio di riferimento;
  • favorire ed incentivare il collegamento tra soggetti, strutture e risorse tra le diverse zone del territorio di riferimento e le aree interne;
  • promuovere l’Associazione in Italia e nei Paesi Esteri;
  • gestire strutture, aree e servizi in proprio o in convenzione destinate al conseguimento degli scopi sociali;
  • sperimentare strumenti e metodi in materia di tutela, gestione e recupero dell’ambiente e del patrimonio storico-culturale;
  • effettuare consulenze tecnico-scientifiche;
  • fare attività nei campi della gestione dell’ambiente e del patrimonio storico-culturale;
  • promuovere la fruizione di aree di interesse naturalistico e culturale;
  • favorire un approccio responsabile e consapevole con ambienti naturali e siti di interesse storico-culturale;
  • elaborare e gestire progetti di natura turistica, economica, sociale, culturale, didattica, ambientale anche in collaborazione con terzi;
  • collaborare con soggetti pubblici e privati con finalità analoghe a quelle dell’Associazione;
  • favorire il contatto, l’aggregazione e la collaborazione tra soggetti interessati ai temi trattati dall’Associazione al fine di favorire la crescita culturale e professionale di associati e non;
  • svolgere qualsiasi altra attività connessa ed affine al perseguimento delle finalità sociali;
  • promuovere, sostenere, realizzare e contribuire alla realizzazione di attività ricreative, culturali, artistiche e turistiche;
  • promuovere, sostenere, realizzare e contribuire alla realizzazione di campagne di informazione, sensibilizzazione e comunicazione;
  • promuovere, sostenere, realizzare e contribuire alla realizzazione di iniziative editoriali, redazionali e multimediali (guide, atti, opuscoli, vademecum, periodici, pagine web, CD-ROM, DVD, ecc.);
  • programmare, sviluppare, finanziare ed eseguire progetti, studi e ricerche nel campo della tutela, conservazione, valorizzazione e gestione dell’ambiente e del patrimonio culturale;
  • stipulare convenzioni con terzi per creare sinergie e per qualificare e potenziare l’attività dei singoli soci;
  • progettare, promuovere, realizzare, organizzare, gestire, coordinare, sostenere, anche con terzi, progetti di sensibilizzazione, comunicazione, informazione, educazione e formazione didattica, ambientale ed alla convivenza civile;
  • promuovere, realizzare, organizzare, gestire, coordinare, sostenere, anche con terzi, corsi, seminari, convegni, conferenze, manifestazioni, concerti, spettacoli teatrali, rassegne cinematografiche, laboratori, workshop, mostre, mercati ed in genere eventi nei campi di interesse dell’Associazione;
  • organizzare escursioni guidate in ambiente, visite guidate a musei, città, siti di interesse naturalistico, storico, archeologico, cantieri di scavo archeologico ed impianti produttivi;
  • progettare, cartografare, realizzare, attrezzare e manutenere sentieri, percorsi ed itinerari in aree protette e non;
  • realizzare segnaletica e cartellonistica escursionistica, didattica e turistica;
  • effettuare interventi di recupero e riqualificazione di aree di interesse naturalistico e culturale;
  • effettuare interventi che favoriscano la fruizione responsabile e consapevole di aree di interesse naturalistico e culturale;
  • promuovere, realizzare, organizzare, gestire, coordinare, sostenere, anche con terzi, proposte turistiche;
  • favorire l’affermazione di una cultura imprenditoriale qualificata in campo turistico, capace di promuovere il costante miglioramento dell’accoglienza, dei servizi ricettivi e di quelli collegati ai trasporti, alla viabilità e alla circolazione, sempre nel rispetto dei valori e delle identità ambientali, storiche e culturali del territorio;
  • effettuare corsi, seminari ed iniziative di aggiornamento per insegnanti e professionisti;
  • effettuare consulenze a soggetti pubblici e privati;
  • svolgere e promuovere in genere ogni attività utile nel campo del turismo, che possa
    orientare l’utilizzazione del tempo libero alla crescita umana e culturale di ciascun individuo;
  • istituire rappresentanti in Italia, nell’Unione Europea e all’estero, con l’incarico di fornire all’Associazione tutte le informazioni che possano essere utili per le sue attività e di dare ai Soci informazioni e assistenza turistica;
  • promuovere l’organizzazione e intermediazione di viaggi e soggiorni in genere, ma
    prioritariamente in Italia e nell’Unione Europea;
  • promuovere all’estero il turismo verso l’Italia, valorizzando le attrattive e facilitandone i flussi;
  • ottenere da parte di terzi a favore dei Soci speciali facilitazioni sia per la prestazione di servizi turistici, sia per l’accesso al credito durante viaggi e soggiorni, sia per l’acquisto, anche in rete, di pubblicazioni, beni e servizi utili per il turismo. 

Tutte le attività non conformi alle finalità dell’Associazione, sono espressamente vietate. Le stesse sono ispirate a principi di pari opportunità tra uomini e donne e rispettose dei diritti inviolabili della persona.

Art. 4 – Per il perseguimento dei propri scopi l’Associazione potrà inoltre aderire anche ad altri organismi di cui condivide finalità e metodi, collaborare con enti pubblici e privati al fine del conseguimento delle finalità statutarie, promuovere iniziative per raccolte occasionali di fondi al fine di reperire risorse finanziarie finalizzate solo ed esclusivamente al raggiungimento dell’oggetto sociale; effettuare attività commerciali e produttive, accessorie e strumentali ai fini istituzionali. Potrà avere partecipazioni o quote in altri enti, società di capitali sia pubbliche che private. Potrà altresì promuovere e/o creare Associazioni, Fondazioni e altri Enti dotati di propria personalità giuridica per finalità specifiche e di carattere istituzionale.

Art. 5 – L’Associazione afferma e assicura la sua assoluta indipendenza da qualsiasi condizionamento culturale, politico, economico e religioso. Per la realizzazione dei suoi obiettivi statutari e a difesa dei diritti del suo corpo sociale e dei turisti-viaggiatori in genere è in ogni caso libero di assumere posizioni, formulare proposte o critiche, dare corso a iniziative a ciò finalizzate.

SOCI

Art. 6 – All’Associazione possono aderire, volontariamente e liberamente i cittadini italiani e/o dei Paesi dell’Unione Europea, ma anche, se lo desiderano, cittadini di altri Paesi del mondo, ovunque residenti, purché abbiano compiuto il 18° anno di età. Possono essere ammessi anche gli Enti, le Associazioni e le Società regolarmente costituiti.

Ai Soci è riservata la possibilità di accedere, accogliere e partecipare alle proposte, alle iniziative, alle opportunità pratiche loro rivolte per lo più in via esclusiva o comunque di specifica priorità e favore nel loro duplice ruolo di sostenitori dell’azione di Yallers, ma anche di destinatari delle sue attività. La qualifica di Socio è a tempo indeterminato ed è espressamente esclusa la temporaneità della partecipazione all’Associazione e non è trasmissibile né modificabile per successione.

Art. 7 – L’Associazione è composta da Soci Ordinari, ammessi a norma di Statuto, i quali pagano al momento della loro adesione la quota di associazione annuale o pluriennale nella misura stabilita e secondo le modalità indicate di seguito. La determinazione della quota associativa annuale o poliennale è deliberata dall’Assemblea Generale Ordinaria dei Soci su proposta del Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo ha facoltà di istituire fra i Soci speciali tipologie di associati, indirizzate all’Unione Europea e/o all’estero ovvero a celebrare particolari eventi e/o settori di attività, deliberando gli importi delle relative quote differenziate.

Art. 8 – Gli Enti, le Associazioni e le Società regolarmente costituiti potranno essere ammessi come Soci Ordinari. La tessera sociale sarà intestata impersonalmente all’Ente, Associazione o Società ammessa. Anche la tessera sociale di questa categoria di Soci non è trasmissibile né modificabile per successione o trasformazione dell’Ente, Associazione o Società iscritta. L’Ente, Associazione o Società ammessa decade di pieno diritto nel caso di suo scioglimento. Nei riguardi di Yallers gli Enti, Associazioni o Società iscritti saranno  rappresentati dal loro rispettivo legale rappresentante pro-tempore o da persona da esso espressamente delegata.

Art. 9 La validità della quota associativa decorrerà dal giorno di adesione ed avrà durata
di un anno per la quota ordinaria, di due anni per la quota biennale e di tre anni per la quota
triennale ed è intrasmissibile. Detta quota non ha valore patrimoniale. La quota associativa è dovuta per intero, qualunque sia la data della domanda di ammissione o del rinnovo.
Il Consiglio Direttivo potrà peraltro, anche per delega al Comitato Esecutivo, approvare
accordi con Enti Terzi, che, attraverso proprie campagne promozionali, intendano favorire
l’adesione all’Associazione.

Art. 10 La richiesta di ammissione è considerata effettuata tramite iscrizione sul sito yallers.com nell’apposita area e comporta l’accettazione dell’associato di tutte le norme dello Statuto e delle linee guida del Codice Etico dell’Associazione, nonché del regolamento interno. Al richiedente potrà essere domandata la prova della propria onorabilità. Diventare Soci significa condividere le finalità dell’Associazione e impegnarsi per la loro realizzazione, nonché ispirare ai suoi principi i propri comportamenti e le proprie libere scelte di cittadini, turisti e viaggiatori. L’ammissione ha effetto solamente a seguito del versamento della quota associativa. Ad ogni Socio viene rilasciata la tessera associativa di riconoscimento, non cedibile né trasmissibile riportante la data di scadenza della quota associativa.

Art. 11 In caso di non ammissione del richiedente da parte del Consiglio Direttivo, l’ammontare della quota versata verrà restituito. Il Consiglio Direttivo sarà tenuto a motivare la non ammissione.

Art. 12 Ogni Socio è tenuto a inviare entro il giorno di scadenza del periodo associativo la quota per il periodo associativo successivo, salvo che abbia dato le dimissioni a norma del presente Statuto. Il pagamento della quota associativa, in sede di rinnovo, che intervenga nei quattro mesi successivi alla scadenza del periodo associativo, verrà imputato a rinnovo della quota associativa con decorrenza dal mese della scadenza del periodo associativo scaduto.

Art. 13 La qualità di Socio Yallers si perde:

  1. per dimissioni o recesso; i soci hanno il diritto di recedere, con preavviso scritto di almeno 8 giorni, dall’appartenenza all’Associazione. La relativa comunicazione dovrà essere inviata via email a consigliodirettivo@yallers.com oppure tramite Pec a pec@pec.yallers.com;
  2. per esclusione pronunciata dal Consiglio Direttivo a seguito del mancato pagamento della quota associativa nei termini stabiliti o se i soci si rendono colpevoli di atti di indisciplina e/o comportamenti scorretti ripetuti che costituiscono violazione di norme statutarie e/o regolamenti interni;
  3. per radiazione per perdita dell’onorabilità o per altri gravi motivi;
  4. per decesso dell’associato.

La perdita di qualità dei soci nei casi a), b) e c) è deliberata dal Consiglio Direttivo, contro il provvedimento di esclusione il socio escluso ha 30 giorni di tempo per fare ricorso all’Assemblea. Le dimissioni, l’esclusione e la radiazione comportano l’immediata decadenza di ogni diritto derivante dalla qualifica di Socio.

Art. 14 Tutti i soci hanno uguali diritti. E’ diritto dei Soci partecipare ogni anno all’Assemblea prevista dall’art. 22, con facoltà esplicita di approvare o non approvare il rendiconto economico e finanziario dell’anno trascorso, le quote associative annuali, che avranno validità dal mese di adesione e per l’intero anno successivo e la nomina dei membri del Consiglio Direttivo in scadenza e le altre deliberazioni di competenza dell’Assemblea se in regola con il pagamento della quota annuale.

Art. 15 Yallers informa i propri associati circa le attività e l’andamento dell’Associazione mediante una pubblicazione periodica attraverso l’area privata riservata ai Soci, sui quali verranno pubblicati altresì il rendiconto economico e finanziario annuale e le deliberazioni assembleari.

Art. 16 I soci hanno l’obbligo di rispettare e di far rispettare le norme dello Statuto e degli eventuali regolamenti. Le prestazioni fornite dagli aderenti sono prevalentemente gratuite, salvo eventuali rimborsi delle spese effettivamente sostenute e autorizzate preventivamente dal Consiglio Direttivo o dal Comitato Esecutivo. L’Associazione, in caso di particolare necessità, può intrattenere rapporti di lavoro retribuiti, anche ricorrendo ai propri associati.

SOSTENITORI

Art. 17 – Possono altresì aderire all’Associazione in qualità di sostenitori tutte le persone, società, enti pubblici, associazioni regolarmente costituiti che, condividendone gli ideali, danno un loro contributo economico nei termini stabiliti. I sostenitori non hanno diritto di elettorato attivo e passivo, ma hanno il diritto ad essere informati delle iniziative che vengono di volta in volta intraprese dall’Associazione.

ORGANI SOCIALI E CARICHE ELETTIVE

Art. 18 – Sono organi dell’Associazione:

  1. l’Assemblea dei soci;
  2. il Consiglio Direttivo;
  3. il Presidente e il Vice Presidente;
  4. il comitato esecutivo;
  5. il tesoriere;
  6. il segretario;
  7. la direzione generale;
  8. i coordinatori delle tre macroaree;
  9. i manager di Categoria, Regionali e locali.

Tutte le cariche sociali sono elettive e prevalentemente gratuite.

ASSEMBLEA DEI SOCI

Art. 19 – L’Assemblea dei soci è organo sovrano ed è composta da tutti i soci. Ai Soci spetta il diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e degli Atti attuativi dello Statuto e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione.

Art. 20 – L’Assemblea può essere costituita in forma ordinaria e straordinaria. L’Assemblea è convocata mediante l’invio a tutti i soci aventi diritto al voto di un’email alla casella di posta elettronica fornita dall’Associazione con dominio yallers.com inoltre ne verrà data comunicazione anche nell’area privata riservata ai soci sul portale in essere. L’Assemblea ordinaria viene convocata almeno 10 giorni prima del giorno previsto per la votazione. L’Assemblea straordinaria viene convocata 30 giorni prima del giorno previsto per la votazione.

Art. 21 L’Assemblea Ordinaria dei Soci dovrà essere indetta almeno una volta all’anno entro il mese di Aprile e comunque potrà essere convocata tutte le volte che ne faccia richiesta la maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo, il Presidente o almeno un quinto dei Soci con diritto al voto e in regola con il pagamento della quota sociale.

Art. 22 All’Assemblea Ordinaria dovranno essere sottoposti entro il 30 Aprile di ogni anno:

  1. la relazione del Consiglio sull’andamento economico e morale dell’Associazione;
  2. il rendiconto economico e finanziario dal 1° gennaio al 31 dicembre dell’anno precedente;
  3. l’elezione delle cariche sociali eventualmente in scadenza e il numero dei componenti del Consiglio Direttivo;
  4. gli eventuali adeguamenti delle quote associative e gli altri argomenti che fossero proposti, sia dal Consiglio Direttivo, sia dal Presidente che da un quinto dei Soci con diritto di voto.

Art. 23 L’Assemblea ordinaria delibera per votazione su convocazione indetta fra tutti i Soci in regola con il pagamento della quota sociale. All’Assemblea Ordinaria saranno sottoposti quegli argomenti per i quali sia stata convocata. L’espressione del voto dei Soci avviene per alzata di mano, che può essere effettuata anche in video conferenza tramite idonea piattaforma digitale. Ogni Socio ha diritto ad un voto ed è ammesso il voto per delega fino ad un massimo di 2 voti oltre il proprio. L’avviso di prima e seconda convocazione indicherà l’elenco degli oggetti su cui si deve votare e i giorni in cui dovranno compiersi le votazioni. Le deliberazioni dell’Assemblea ordinaria sono prese in prima convocazione a maggioranza dei soci e in seconda convocazione a maggioranza dei presenti.

Art. 24 L’Assemblea Straordinaria delibera per votazione su convocazione indetta fra tutti i Soci in regola con il pagamento della quota sociale. L’espressione del voto dei Soci avviene per alzata di mano, che può essere effettuata anche in video conferenza tramite idonea piattaforma digitale. Ogni Socio ha diritto ad un voto ed è ammesso il voto per delega fino ad un massimo di 1 voto oltre il proprio. L’Assemblea Straordinaria delibera a maggioranza sullo scioglimento dell’Associazione e sulla devoluzione del patrimonio sociale, con la presenza di almeno due terzi degli associati. Per la modifica dello statuto, l’Assemblea Straordinaria delibera a maggioranza con la presenza di almeno il 50% + 1 dei soci. L’avviso di convocazione indicherà l’elenco degli oggetti su cui si deve votare, il giorno, luogo e ora di convocazione in cui dovrà compiersi la votazione.

Art. 25 – Salvo i casi in cui è diversamente disposto, le proposte che hanno ottenuto la maggioranza dei votanti si intendono approvate. Le deliberazioni dell’Assemblea, constatate dal verbale firmato dal Presidente, sono immediatamente esecutive ed obbligano tutti i Soci. Esse saranno pubblicate nell’area riservata ai soci.

Art. 26 Le proposte di iniziativa dei Soci, che questi volessero far portare all’ordine del giorno nella prima Assemblea Ordinaria utile, devono essere inviate alla mail consigliodirettivo@yallers.com entro almeno 20 giorni dalla data fissata per la  convocazione dell’Assemblea. Dovranno essere poste al relativo ordine del giorno se fatte unanimemente da un quinto dei Soci, o, in caso diverso, se il Consiglio Direttivo lo ritiene opportuno.

CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 27 A dirigere ed amministrare l’Associazione Yallers è preposto un Consiglio Direttivo che, non potrà essere composto in misura  minore di 7 membri e fino ad un massimo di 9 membri, nominati dall’Assemblea dei Soci fra i Soci capaci di obbligarsi, aventi almeno lo status di socio per 2 anni consecutivi e comunque di provata e specifica competenza professionale funzionale agli scopi statutari e alle attività dell’Associazione e in possesso dei requisiti di onorabilità stabiliti dal Testo Unico delle leggi in materia bancaria (TUB) tempo per tempo vigente e dei relativi regolamenti di attuazione.

Art. 28 – In caso venga a mancare in modo irreversibile uno o più consiglieri, il Consiglio Direttivo provvede alla surroga, sino alle successive elezioni del Consiglio Direttivo, a nominare  un altro Membro scelto fra i Soci dell’Associazione scelto fra i primi soci non eletti nelle elezioni alle cariche sociali. È facoltà del Consiglio Direttivo dichiarare decaduto il Consigliere che non sia intervenuto di persona a cinque sedute consecutive del Consiglio Direttivo. I Consiglieri eletti dall’Assemblea in sostituzione di altri cessati durante il loro mandato scadono alla stessa data prevista per il mandato di coloro che hanno sostituito.

Art. 29 Il Consiglio Direttivo rimane in carica per 5 esercizi e i suoi componenti sono rieleggibili per non più di 4 mandati anche non consecutivi.

Art. 30 Il Consiglio Direttivo elegge fra i suoi Membri un Presidente e un Vice Presidente con voto palese. La carica di Presidente può essere conferita, di regola, per non più di 2 mandati quinquennali consecutivi. Il Consiglio Direttivo elegge altresì nel proprio ambito un Tesoriere, un Segretario e i coordinatori delle tre macroaree. Sarà costituito altresì un Comitato Esecutivo, composto da Presidente, Vice Presidente e i coordinatori delle tre macroaree. Il Consiglio Direttivo può conferire incarichi speciali per determinate funzioni ai singoli Consiglieri.

Art. 31 Il Consiglio Direttivo, in occasione dell’approvazione del rendiconto economico e finanziario annuale e del programma generale dell’attività dell’Associazione, potrebbe determinare le norme secondo le quali potranno essere distribuite, a titolo di premio o benemerenza, medaglie o altri oggetti ai Soci che si troveranno in determinate condizioni, o allo scopo di stimolare e favorire l’iscrizione di nuovi Soci.

Art. 32 Salvo le competenze riconosciute all’Assemblea dal presente Statuto, il Consiglio
Direttivo è investito senza eccezioni di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell’Associazione con facoltà di disporre in materia tanto mobiliare quanto
immobiliare ed in genere di compiere ogni atto che ritenga necessario o utile per il conseguimento degli scopi dell’Associazione.
In ogni caso spetta al Consiglio Direttivo la redazione:

  1. della relazione sull’andamento economico e morale dell’Associazione;
  2. del rendiconto economico e finanziario dal 1° gennaio al 31 dicembre dell’anno
    precedente.

Inoltre il Consiglio direttivo può nello specifico:

  1. eleggere tra i propri componenti il presidente e revocarlo;
  2. eleggere tra i propri componenti il vice presidente e revocarlo;
  3. nominare il tesoriere e il segretario;
  4. attuare tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione;
  5. curare l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea;
  6. conferire procure generali e speciali;
  7. instaurare rapporti di lavoro, fissandone mansioni, qualifiche e retribuzioni;
  8. proporre all’Assemblea i Regolamenti per il funzionamento dell’Associazione e degli organi sociali;
  9. ricevere, accettare o respingere le domande di adesione di nuovi soci;  
  10. ratificare e respingere i provvedimenti d’urgenza adottati dal Presidente;
  11. deliberare in ordine all’esclusione dei soci come da art. 15.

Spetta inoltre al Consiglio Direttivo predisporre ogni opportuno regolamento interno per il
funzionamento dell’Associazione e dei suoi organi e per dare esecuzione allo Statuto.

Art. 33 Il Consiglio Direttivo si riunisce, non meno di due volte all’anno, per le necessarie deliberazioni in seguito a convocazione del Presidente da inviare alla mail collaborativa consigliodirettivo@yallers.com almeno 10 giorni prima se effettuate in Audio Videoconferenza e almeno 30 giorni prima se effettuate nella sede o fuori sede dell’Associazione. In mancanza di convocazione da parte del Presidente, la convocazione può essere effettuata da cinque Membri del Consiglio. Le decisioni del Consiglio sono prese a maggioranza di voti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. Almeno la metà dei Consiglieri più uno deve partecipare alle sedute e votare. In caso di mancanza di numero legale la seduta di seconda convocazione viene stabilita sempre in modo che l’avviso pervenga agli interessati almeno due giorni prima della riunione indetta.
È facoltà del Presidente ritenere valida la seduta con la partecipazione a distanza dei Consiglieri alle sedute in audio/video conferenza, in caso di impossibilità ad intervenire di persona.

Art. 34 Il Consiglio Direttivo ha facoltà di istituire delegazioni locali in Italia e nei Paesi esteri dove la presenza italiana sia particolarmente significativa. Le delegazione ha il compito di assicurare una efficace e solida presenza dell’Associazione sul territorio ritenuto strategico o di particolare interesse. Il Consiglio Direttivo all’atto della nomina della Delegazione ne determina la composizione, i compiti, le attribuzioni e le prerogative.
La Delegazione dura in carica 2 anni solari dal momento della costituzione.

Art. 35 Il Comitato Esecutivo assicura la continuità della gestione secondo le Direttive e in forza dei poteri delegati dal Consiglio Direttivo; predispone i piani di attività e di gestione per l’attuazione del programma generale dell’attività dell’Associazione; delibera tutto quanto sia opportuno ai fini dell’andamento e dell’amministrazione dell’Associazione nell’ambito dei poteri che gli sono stati delegati dal Consiglio Direttivo; cura fra i propri componenti le opportune ripartizioni di compiti anche per i settori di attività.

Art. 36 Il Consiglio Direttivo delega al Comitato Esecutivo in tutto o in parte i suoi poteri deliberativi delegabili. Non possono essere delegate la determinazione delle quote associative, la radiazione dei Soci, l’approvazione dei documenti da sottoporre all’Assemblea (relazione, rendiconto economico e finanziario, nomina delle cariche sociali), nonché quella dei programmi generali di attività e degli investimenti.
In caso di urgenza e soggetti a ratifica, il Comitato Esecutivo può esercitare i poteri del Consiglio Direttivo fatta unicamente eccezione per quelli indelegabili.

Art. 37 Le modalità di funzionamento del Consiglio Direttivo e del Comitato Esecutivo, nonché le competenze del Comitato Esecutivo sono stabilite da appositi regolamenti interni.

Art. 38  – L’elezione a componente del Comitato Esecutivo dura sino alla scadenza del
mandato di Consigliere in corso al momento dell’elezione stessa. I Membri del Comitato
Esecutivo sono rieleggibili.

Art. 39 La carica dei componenti del Consiglio Direttivo, del Comitato Esecutivo, del Presidente e dei Vice Presidenti ha carattere gratuito, spetta comunque agli stessi il rimborso delle spese documentate inerenti la loro carica.

IL PRESIDENTE

Art. 40 – Il Presidente è il legale rappresentante dell’Associazione, ne esprime le alte idealità e lo rappresenta a livello istituzionale e internazionale. Ha l’uso della firma sociale per tutte le operazioni sociali e dura in carica quanto il Consiglio Direttivo. E’ autorizzato a riscuotere pagamenti di ogni natura e a qualsiasi titolo e a rilasciarne quietanza.

Ha facoltà di nominare avvocati e procuratori nelle liti riguardanti l’Associazione davanti a qualsiasi autorità giudiziaria e amministrativa in qualsiasi grado e giudizio.

Art. 41 Il Presidente è inoltre munito di ogni più ampia facoltà sia per l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo e del Comitato Esecutivo, sia, sempre con firma libera, per l’ordinaria gestione dell’Associazione Yallers, compresa quella di delegare temporaneamente e per singole attività parte dei suoi poteri ad altri consiglieri o soci con procura generale o speciale. In caso di assenza o impedimento le sue mansioni sono esercitate dal Vice Presidente vicario. In casi di oggettiva necessità può adottare provvedimenti d’urgenza sottoponendoli alla ratifica del Consiglio Direttivo.  Qualora il Consiglio Direttivo, per fondati motivi, non ratifichi tali provvedimenti, degli stessi risponde personalmente il Presidente.

Art. 42 Al Presidente fanno direttamente capo, in ragione del suo ufficio, le Relazioni Esterne e quelle Istituzionali.

PRESIDENTE ONORARIO

Art. 43 È facoltà del Consiglio Direttivo, su proposta del Presidente, di nominare un Presidente Onorario individuato tra personalità di elevato valore morale e di cittadinanza italiana che possa svolgere un ruolo di alto patronato. Il Presidente Onorario è figura altamente rappresentativa, non ha ruoli operativi. Spetta comunque allo stesso il rimborso delle spese documentate inerenti la sua carica.

IL VICE PRESIDENTE

Art. 44 – Il vice presidente sostituisce il presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo ed in quelle mansioni nelle quali venga espressamente delegato.

IL TESORIERE

Art. 45 – Il Tesoriere è il responsabile della gestione amministrativa e finanziaria dell’Associazione inerente l’esercizio finanziario e la tenuta dei libri contabili. Cura la redazione dei bilanci consuntivo e preventivo sulla base delle determinazioni assunte dal Consiglio Direttivo.

Stanti i compiti affidati al Tesoriere è conferito potere di operare con banche e uffici postali, ivi compresa la facoltà di aprire o estinguere conti correnti, firmare assegni di traenza, effettuare prelievi, girare assegni per l’incasso e comunque eseguire ogni e qualsiasi operazione inerenti le mansioni affidategli dagli organi statutari. Ha firma libera e disgiunta dal Presidente del Consiglio per importi il cui limite massimo viene definito dal Consiglio Direttivo.

IL SEGRETARIO

Art. 46 – Il Segretario è il responsabile della redazione dei verbali delle sedute di Consiglio e di Assemblea che trascrive sugli appositi libri affidati alla sua custodia unitamente al libro soci.

DIREZIONE GENERALE E STRUTTURA OPERATIVA

Art. 47 Per la gestione delle attività l’Associazione si può avvalere di una Struttura Operativa retribuita, in grado di assicurare le specifiche competenze per la realizzazione delle attività dell’Associazione e dei relativi obiettivi, programmi e servizi. La Struttura Operativa è coordinata dal Direttore Generale che, su proposta del Presidente, con il parere favorevole del Comitato Esecutivo, viene nominato e/o revocato dal Consiglio Direttivo. Le modalità di funzionamento della Struttura Operativa e i compiti e le responsabilità del Direttore Generale sono stabiliti da appositi regolamenti interni.

Art. 48 Il Direttore Generale ha il compito di dare attuazione alle decisioni del Consiglio
Direttivo e del Comitato Esecutivo e sovrintende al funzionamento della struttura operativa. Il Direttore Generale può essere delegato dal Comitato Esecutivo, sentito il Consiglio Direttivo, allo svolgimento di alcuni atti o categorie di atti, con conferimento dei relativi poteri. Il Direttore Generale può assistere alle riunioni del Consiglio Direttivo e del Comitato Esecutivo, salvo diversamente disposto dal Presidente.

VOLONTARI E STRUTTURE TERRITORIALI

Art. 49 Yallers, nella sua qualità specifica di Associazione senza scopo di lucro (Art.1), si avvale della collaborazione di Soci disponibili a svolgere attività di volontariato. È facoltà e compito del Comitato Esecutivo stabilire funzioni e modalità dei volontari così come disciplinare le regole relative ai rapporti tra il Volontariato e la Struttura Operativa, nel rispetto delle leggi vigenti, per attività di natura diversa ma finalizzate al raggiungimento di obiettivi comuni.

Art. 50 L’Associazione Yallers si avvale di strutture suddivise in categorie e aree territoriali che fanno capo rispettivamente ai Coordinatori delle tre Macro Aree Territoriali identificate dal Consiglio Direttivo. All’interno di ogni regione è presente un Manager Regionale e fino ad un massimo di 8 Manager Locali scelti fra i Soci, nominati o riconfermati dal Comitato Esecutivo ogni anno. A livello nazionale sono altresì presenti dei Manager di Categoria nominati o riconfermati dal Comitato Esecutivo ogni anno.

Art. 51 Il conteggio dell’anno, parte dal primo gennaio di ogni anno e termina il trentuno dicembre di ogni anno. I Manager di Categoria, i Manager Regionali ed i Manager Locali sono gli organi di collaborazione dell’Associazione Yallers; svolgono i compiti a essi affidati dal Consiglio Direttivo, dal Comitato Esecutivo e dal Presidente; possono essere incaricati dell’esecuzione delle delibere del Consiglio Direttivo o del Comitato Esecutivo, e cooperano nel miglior modo possibile all’attività e allo sviluppo dell’Associazione a livello locale. Le cariche di Manager di Categoria, di Manager Regionale e di Manager Locale sono gratuite, spetta comunque agli stessi il rimborso delle spese documentate inerenti la loro carica.

COORDINATORI DELLE TRE MACRO AREE

Art. 52 Apposito regolamento, deliberato dal Consiglio Direttivo, determinerà le tre macro aree territoriali che necessitano di un coordinatore, fissando altresì le modalità di designazione, la durata e ogni altra disposizione per lo svolgimento della funzione.

PATRIMONIO SOCIALE

Art. 53 – Le entrate dell’Associazione sono costituite da:

  1. quote associative e contributi di sostenitori;
  2. contributi di privati, dello Stato, di Enti, di Organismi internazionali, di Istituzioni pubbliche finalizzati al sostegno di specifiche e documentate attività o progetti;
  3. donazioni e lasciti testamentari;
  4. entrate  derivanti da prestazioni di servizi  convenzionati;
  5. proventi delle cessione di beni e servizi agli associati e a terzi, anche attraverso lo svolgimento di attività economiche di natura commerciale svolte in maniera ausiliaria e sussidiaria e comunque finalizzate al raggiungimento degli obiettivi istituzionali;
  6. entrate derivanti da iniziative promozionali finalizzate al proprio finanziamento;
  7. ogni altra entrata compatibile con le finalità dell’associazionismo di promozione sociale;

Art. 54 – Il patrimonio sociale è costituito da:

  1. beni immobili e mobili;
  2. azioni, obbligazioni ed altri titoli pubblici e privati;
  3. donazioni, lasciti o successioni;
  4. altri accantonamenti e disponibilità patrimoniali
  5. eventuali eccedenze attive della gestione non diversamente destinate dall’Assemblea.

Art. 55 Il patrimonio dell’Associazione, verrà oculatamente impiegato dal Presidente, dal Consiglio Direttivo o dal Comitato Esecutivo, nel modo che gli stessi ritengano opportuno. E’ fatto comunque divieto di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitale, durante la vita dell’Associazione salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge ed è obbligatorio il reinvestimento di ogni eventuale avanzo di gestione a favore delle attività istituzionali dell’Associazione previste nel presente Statuto. Le quote sociali sono intrasferibili. In caso di dimissioni, esclusione o morte di un socio, la sua quota sociale rimane di proprietà dell’Associazione.

SCIOGLIMENTO DELL’ASSOCIAZIONE E DEVOLUZIONE DEI BENI

Art. 56 – Lo scioglimento dell’Associazione viene deciso dall’Assemblea che si riunisce in forma straordinaria ai sensi dell’art. 24 del presente statuto.

In caso di scioglimento, il patrimonio dell’Associazione, dedotte le passività, sentito l’organismo di controllo di cui alla legge 662/96 verrà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di utilità sociale, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

In nessun caso possono essere distribuiti beni, utili e riserve ai soci.

NORMA FINALE

Art. 57 – Il presente Statuto deve essere osservato come atto fondamentale dell’Associazione. Per quanto non vi viene espressamente previsto si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.

Art. 58 Lo Statuto entra in vigore dalla data di approvazione da parte dell’Assemblea e avrà efficacia solo per il futuro. I limiti alla eleggibilità dei Membri del Consiglio Direttivo trovano applicazione per le nomine successive alla entrata in vigore dello Statuto.
Gli attuali Membri del Consiglio Direttivo restano in carica fino alla scadenza del mandato in corso come da statuto precedente e comunque per non più di 5 esercizi.

Sono rieleggibili fino alla concorrenza di quattro mandati complessivi i Consiglieri che alla
data di entrata in vigore dello Statuto non abbiano ricoperto la carica per quattro o più mandati.

 

Bologna, 05/11/2016.