“Una vita ai fornelli” con EatAround

Quando si parla dell’Italia, che sia in casa o all’estero, oltre che delle sue bellezze paesaggistiche e culturali si deve necessariamente parlare di cucina, di cibo e della lunga tradizione eno-gastronomica e culinaria che la contraddistingue.

La nostra cucina è una delle più ricercate, variegate ed apprezzate in assoluto in tutto il mondo. Espressione di una storia secolare strettamente legata al territorio e capace di innovarsi continuamente nel tempo. Nata, cresciuta e affinata negli anni non solo per il fine nutritivo ma come mezzo per addolcirsi la vita e creare momenti di incontro. Dall’alba dei tempi infatti è a tavola che si instaurano le migliori relazioni e si socializza con il prossimo.

Per questo motivo, Yallers ha deciso di lanciare un nuovo progetto, per chi ama mangiare, conoscere nuove persone e socializzare: Eat Around Italia

Quale miglior momento di questo per lanciare un contest legato a questo nuovo progetto? Siete pronti a rappresentare al meglio l’essenza della cucina italiana?

Il contest: una vita ai fornelli

Grazie alla partnership con WMF, azienda che produce posate, pentole, utensili da cucina ed elettrodomestici di altissima qualità, vogliamo sfidarvi in un nuovo challenge volto a raccontare l’innovazione della tipicità regionale e nazionale.

Per partecipare al contest, sarà sufficiente postare le foto realizzate sul vostro profilo Instagram, dal 15 Maggio al 31 Maggio, utilizzando gli hashtag #unavitaaifornelli #eatarounditalia e menzionare nel testo della foto @wmfitalia. Le foto più significative saranno premiate con un repost sul profilo ufficiale Instagram di WMF.

Un’apposita giuria selezionerà inoltre le foto migliori che saranno pubblicate sui canali ufficiali di WMF e sul profilo del vincitore della VI edizione di masterchef  Valerio Braschi.

I 20 responsabili regionali dell’associazione Yallers decreteranno anche il primo classificato che riceverà un buono Amazon del valore di 100 euro, oltre alla pubblicazione della foto sul profilo EatAround Italia.

Siete pronti a sfoderare le vostre abilità in cucina e a creare il piatto più bello e più buono del vostro repertorio? Aspettiamo le vostre foto.

Il presente concorso non è assoggettabile alla disciplina del D.P.R. n. 430/2001 in ,quanto non costituisce una manifestazione a premio di carattere commerciale.

 

Offagna Photowalk: Yallers a spasso nel Medioevo

Quando: 6 Aprile 2019
Orario di ritrovo: 15.00
Luogo di ritrovo: piazza del Comune 1, 60020 Offagna (AN)
Durata: dalle 15.00 alle 20.30
Limite partecipanti:  40 persone
Costo di partecipazione:  gratuito Soci | 5 euro non Soci
Aperitivo-Cena 16 euro Soci | 21 euro non Soci

Programma

15.00 ritrovo presso piazza del Comune, accredito partecipanti;
15.30 visita guidata alla Rocca, museo Paolucci, museo della Liberazione e giro alla scoperta del Borgo;
17.30  degustazione pre­sso la cantina dell’Azienda Agricola Malacari;
18.15 vista del tramonto in punto panoramico, foto di gruppo;
19.00 Aperitivo-Cena allietato dal Gruppo Tamburi Offagna e Gruppo Sbandieratori Offagna;
20.30 Saluti finali e termine evento.

Info varie

Offagna, caratteristico borgo medioevale posto a 309 metri sul livello del mare tra le città di Ancona e Osimo, si erge su un dominante sperone di arenaria. Dalla piazza alta, nelle vicinanze della bellissima Rocca medievale, si può ammirare uno dei più bei panorami della campagna marchigiana, fino ad intravedere i Sibillini da una parte e il mare dall’altra.

Offagna

Foto di @matmaz6

 

Vi sono notizie storiche del villaggio sin dal IX secolo, reperibili nel codice Bavaro conservato a Monaco di Baviera. Il toponimo “Ofania” ha avuto varie interpretazioni, ma la più ricorrente lo fa discendere per alterazione lessicale dalla “Massa Afraniana”, un vasto latifondo costituito in epoca romana a favore della “gens Afrania”.

Durante il photowalk si avrà la possibilità di andare alla scoperta di questo caratteristico Borgo e apprezzarne i luoghi più caratteristici: per l’occasione la visita guidata alla Rocca, al Museo Paolucci e al Museo della Liberazione saranno gratuiti.
Assaporeremo la tradizione nella cantina Malacari e potremmo gustarci il tramonto da un’altura che sovrasta il centro storico, il tutto condito dalla compagnia e dalla convivialità in pieno stile Yallers.
Per finire in bellezza il pomeriggio ci si ritroverà per un aperitivo cena accompagnato dal Gruppo Tamburi Offagna e Gruppo Sbandieratori Offagna.

Offagna rocca - Foto d@i davyde75_

Offagna rocca – Foto d@i davyde75_

Contest

L’evento Patrocinato dal Comune di Offagna sarà oggetto di un contest fotografico.
La giornata sarà raccontata con stories e post da tutti i partecipanti su Facebook e Instagram, utilizzando come hashtag: #offagnaphotowalk #yallersmarche e #visitoffagna. Non dimenticate di taggare le pagine @yallersmarche, @visit_offagna e @yallersitalia.

I tre scatti più belli e significativi, che saranno pubblicati su Instagram e Facebook entro il 15 Aprile, verranno repostati sulla pagina Instagram e sul gruppo Facebook @yallersmarche.
I primi tre classificati riceveranno inoltre i seguenti premi, messi in palio dal Polo Museale di Offagna:
1° classificato (esclusivo per i soci): buono 50 € Amazon;
2° classficato: Cena per 2 al “Ristorante Bar Le Donzelle”;
3° classificato: 3 bottiglie di vino della Cantina Malacari.

Riferimenti

Persona di riferimento: Mattia Mosca | mattia.mosca@yallers.com

Email di riferimento: marche@yallers.com

Note

Evento realizzato con il Patrocinio del comune di Offagna e in collaborazione con il Polo Museale Offagna.

Per iscriversi all’evento è necessario essere soci e fare login sullo shop con la propria mail personale con cui ci si è iscritti a Yallers

Partecipa GRATUITAMENTE
a tutti gli eventi

Foto del mese Novembre 2018

Ciao Yallers, siamo contenti di condividere con voi la foto vincitrice del contest Foto del Mese Novembre 2018.

Tutte le foto che hanno partecipato al contest del mese “Novembre 2018” sono state scelte con cura dai nostri team Yallers e ci hanno lasciato piacevolmente sorpresi per la diversità dei colori e dei paesaggi.

Ringraziamo ancora una volta tutta la nostra Community per la condivisione giornaliera di luoghi e attimi che meritano di essere scoperti e ammirati.

La foto vincitrice del mese Novembre 2018 ci regala una vista unica al mondo – il meraviglioso borgo Badolato in Calabria visto dall’alto.

La foto di Badolato che si trova in provincia di Catanzaro ci ha fatto innamorare di questo posto e di volerlo visitare prima possibile. Vi invitiamo a scoprire la storia di questo scatto nell’intervista che abbiamo fatto a Mirko Marino, il nostro vincitore:

Ciao Mirko, sei l’autore della foto che ha vinto il contest come miglior foto del mese di Novembre complimenti. Come possiamo rintracciarti sul web?
Buongiorno e grazie per questo premio, sono davvero soddisfatto.
Sono presente su Facebook come Mirko Marino, e su Instagram col nome @mirko.cz
Su entrambi i social ho creato una pagina aziendale dal nome “Mirko.marino_aerial.shots”.

Ricordi quando è stata scattata la foto vincitrice, in quale momento della giornata e in quale luogo?
Onestamente non ricordavo il giorno esatto, ma ho guardato tra i dettagli della foto, era il 21 aprile 2018, le 16:30 circa.

Raccontaci come mai ti trovavi nel luogo in cui hai scattato la foto?
Ho una grande passione per la Calabria e mi sono preso l’impegno di andare a fotografare i posti più belli che la nostra regione ci offre

E’ un luogo in cui vai spesso, è la tua regione o ci sei stato in vacanza o ti trovavi lì per caso?
Ci sono andato una sola volta, ed è bastata quella per farmi innamorare di questo splendido borgo, probabilmente il più bello che ho finora visitato.

Cosa hai provato realizzando questo scatto?
Non ho realizzato immediatamente le potenzialità che avesse questo scatto in modalità portrait. Sono davvero soddisfatto di come sia uscita questa foto.

Hai seguito il tuo istinto o lo scatto ha richiesto una preparazione particolare?
Ho seguito il mio istinto, mi trovavo in una posizione per la quale fare una foto in portrait mi permetteva di ottenere un ottimo risultato.

Come hai eseguito lo scatto? Usi il cellulare o hai una macchina fotografica?
Non ho alcuna macchina fotografica professionale, sono un amatore in questo campo. Ho eseguito lo scatto con un drone semi professionale Dji Mavic Pro.

Hai ritoccato questa foto? Se si, come?
Si, come faccio con tutte le foto che pubblico ho applicato un po’ di color correction in post produzione. Uso esclusivamente Adobe Photoshop ed Adobe Lightroom.

Per te la fotografia rappresenta una passione o è il tuo lavoro? Come è nata la tua passione per la fotografia e da quanto tempo ti piace fotografare?
Era da molto tempo che avevo la curiosità di usare un drone per scattare foto paesaggistiche, e iniziando ad utilizzarlo, questa curiosità si è trasformata in passione. Al momento questa passione non è ancora un lavoro, ma non escludo che in futuro possa diventarlo.

Quali sono i soggetti che ti piace fotografare?
Fotografo solo ed esclusivamente i meravigliosi paesaggi che abbiamo in Calabria.

Ti piace viaggiare per fotografare posti sempre nuovi? Se sì preferisci rimanere all’interno della tua regione oppure hai la possibilità di spostarti anche in altre regioni?
Al momento il lavoro mi occupa tutti i giorni della settimana, quindi ho poco tempo per spostarmi al di fuori della Calabria. Appena avrò del tempo libero mi sposterò anche al di fuori della regione per fotografare nuovi paesaggi. Per me ogni luogo è una nuova avventura ed una nuova esperienza.

Sapresti indicarci un posto nella tua regione in cui secondo te vale la pena andare per scattare delle foto, un luogo magari poco conosciuto?
Seguo da un po’ di tempo il gruppo Yallers, e credo che non ci siano luoghi che non siano già stato fotografati. Di sicuro tra i luoghi più belli che ho visitato e fotografato, oltre al borgo di Badolato, ci sono la Cattolica di Stilo, il lago Acero a San Vito sullo Ionio, il parco archeologico di Capo Colonna, il castello normanno di “Le Castella”, il borgo di Santa Severina, l’isola di Dino a Praia a Mare, e l’Arcomagno di San Nicola Arcella.

Qual è il luogo che ti è rimasto nel cuore, quello in cui pensi di aver scattato le tue foto più belle o semplicemente quelle che ti hanno emozionato di più?
Ad oggi il luogo più bello che ho visitato resta il borgo di Badolato, un posto che porterò sempre nel cuore.

Che rapporto hai con i social?
Devo ammettere di avere un bel rapporto con i social, che utilizzo esclusivamente per pubblicare gli scatti che eseguo con il mio drone.

Quali preferisci e perché?
Gli unici social che utilizzo sono Facebook ed Instagram.

Da quanto tempo usi Instagram?
Uso Instagram da circa due anni.

Hai ricevuto altri premi o vinto altri contest?
No, non ho mai vinto altri premi nè contest in ambito fotografico, questo è il primo, e per me è davvero un onore aver ricevuto questo premio da un gruppo che ha la mia più totale stima e ammirazione.

Ricevi solo complimenti oppure ti capita anche di ricevere delle critiche sui social?
È sempre bello ricevere complimenti, ne ricevo parecchi che mi stimolano a continuare così, ma “preferisco” le critiche, perchè sono quelle che mi portano a cercare di migliorarmi.

Cosa pensi di Yallers, conoscevi già la nostra community?
La conosco e la seguo da un anno circa, ho una grande ammirazione per il gruppo che avete creato. Spero di riuscire a fare qualche escursione insieme a voi, ma purtroppo il lavoro mi occupa tutti i giorni della settimana.

Se potessi proporre un nuovo contest Yallers, quale proporresti e perché?
Mi sento di fare una proposta per un nuovo contest Yallers: scattare foto di sera, ai Borghi illuminati, specialmente in questo periodo con tutte le decorazioni e gli allestimenti natalizi.

Grazie mille Mirko e ancora complimenti.
Grazie a voi, come ho già detto per me è stato un onore vincere questo contest
Vi auguro un buon natale ed un felice anno nuovo.

Foto del mese Ottobre 2018

Ciao Yallers, l’autunno è ufficialmente arrivato e continua a regalarci colori incredibili e paesaggi mozzafiato in tutto il territorio italiano.

Le foto del mese “Ottobre 2018” proposte dai nostri team leader hanno colto in pieno l’essenza di questo periodo.

Ringraziamo ancora una volta tutta la nostra Community per la condivisione giornaliera di luoghi e attimi che meritano di essere scoperti e ammirati.

La foto vincitrice di questo mese ci porta in un viaggio virtuale nella regione Friuli Venezia Giulia, precisamente a Sauris, un borgo incantato che si trova in provincia di Udine.

Questo scatto ci racconta la bellezza del posto e l’emozione del momento vissuto dall’autrice. Vi invitiamo a scoprire tutta la storia nell’intervista che abbiamo fatto a Paola Toniutti, la nostra vincitrice:

Ciao Paola, sei l’autrice della foto che ha vinto il contest come miglior foto del mese di Ottobre complimenti. Come possiamo rintracciarti sul web?

Ciao! Che bella sorpresa! Son davvero contenta che la mia foto sia stata apprezzata e che abbia avuto un riscontro così importante. Onorata che rappresenti il mese di ottobre. Potete visitare il mio profilo Facebook Paola Toniutti, il profilo Instagram paola.toniutti è il profilo Flickr Paola Toniutti

Ricordi quando è stata scattata la foto vincitrice, in quale momento della giornata e in quale luogo?

Questa foto è stata scattata esattamente una settimana prima del disastro che ha colpito le nostre montagna e che ha provocato ingenti danni e l’isolamento di Sauris per una frana che ha occupato la strada che porta al paese.  La mattina di domenica 21 ottobre mentre percorrevo il sentiero che parte da Sauris di Sopra e porta a Sauris di Sotto mi ha colpito questo scorcio che incorniciava la chiesa di San Lorenzo Martire in un bel contesto autunnale.

Raccontaci come mai ti trovavi nel luogo in cui hai scattato la foto?

Ho passato un fine settimana in compagnia di alcuni amici che mi hanno invitato a passare due giorni a Sauris. Per la mattina di domenica era prevista la visita alla tessitura artigiana e al prosciuttificio Wolf che si trovano a Sauris di Sotto. Noi alloggiavamo presso l’albergo diffuso a Sauris di Sopra così abbiamo raggiunto la nostra meta a piedi utilizzando il sentiero.

E’ un luogo in cui vai spesso, è la tua regione o ci sei stato in vacanza o ti trovavi lì per caso?

Sono friulana e adoro la mia terra. Uno dei posti che amo di più del Friuli Venezia Giulia è proprio Sauris. Ci vado almeno due tre volte all’anno per delle escursioni in giornata e sicuramente non manco alla festa del prosciutto in luglio.

Cosa hai provato realizzando questo scatto?

Avevamo appena concluso una breve ma piuttosto impegnativa salita al termine della quale, volgendo lo sguardo a destra, si è aperto per un  breve tratto tra gli alberi del bosco, uno scorcio molto suggestivo. È stato un momento emozionante, una bella ricompensa per l’impegno profuso. Un toccasana per gli occhi e per lo spirito.

Hai seguito il tuo istinto o lo scatto ha richiesto una preparazione particolare?

Per creare questa foto ho seguito solo l’istinto. Mi è piaciuto tutto il contesto! La chiesetta incorniciata dal bosco, i colori autunnali, la bella luce che illuminava tutto il paesaggio

Come hai eseguito lo scatto? Usi il cellulare o hai una macchina fotografica?

Ho una macchina fotografica mirrorless. La Fuji XT20. È una macchina di buona qualità e di peso e dimensioni ridotte. Ciò mi consente di portarla sempre con me, sia durante le escursioni in montagna che durante le uscite quotidiane limitrofe.

Hai ritoccato questa foto? Se si, come?

Non amo “ritoccare” le mie foto. Essendo scattate in formato RAW, però, hanno bisogno di essere sviluppate e pertanto utilizzo una semplice applicazione che ho scaricato sul mio iPad : Snapseed. Questo programma mi consente di lavorare i file di scatto elaborandone la struttura, il contrasto, la saturazione ecc.ecc. Senza però stravolgere o alterare l’immagine immortalata. Cerco sempre attraverso le mie foto, di trasmettere le stesse emozioni che ho provato al momento dello scatto.

Per te la fotografia rappresenta una passione o è il tuo lavoro? Come è nata la tua passione per la fotografia e da quanto tempo ti piace fotografare?

La fotografia per me è pura passione. Per lavoro faccio tutt’altro. Ho cominciato ad avvicinarmi a questa arte circa 4 anni fa. Mio figlio, allora minorenne,  frequentava un corso base di fotografia e gli venivano affidati dei “compiti” da svolgere. Io lo accompagnavo durante queste uscite e, mentre lo aspettavo , mi cimentavo con la mia compatta.

Quali sono i soggetti che ti piace fotografare?

Prediligo la fotografia paesaggistica e la macro fotografia.

Ti piace viaggiare per fotografare posti sempre nuovi? Se sì preferisci rimanere all’interno della tua regione oppure hai la possibilità di spostarti anche in altre regioni?

Mi piacerebbe viaggiare sia per fotografare che per vedere nuovi posti ma per ora, mi concentro sulla scoperta della mia regione, il Friuli Venezia Giulia. Una regione ricca di posti meravigliosi dove ogni giorno puoi decidere se andare verso il mare o scovare panorami mozzafiato dalla cima delle montagne. Seguire il corso del re dei fiumi alpini, il Tagliamento, accompagnandolo nei sui affascinanti intrecci. Passeggiare sui selciati di paesi dove ad ogni passo ascolti le storie di antichi passaggi. Visitare castelli, ville, casali e chiesette:  storiche e preziose dimore che contengono veri e propri tesori d’arte. E potrei dilungarmi ancora…e ancora…meraviglia dopo meraviglia…

Sapresti indicarci un posto nella tua regione in cui secondo te vale la pena andare per scattare delle foto, un luogo magari poco conosciuto?

Il posto che amo di più si trova a Codroipo (Udine), la città in cui abito. È il parco delle Risorgive. Tranne i periodi di secca, è un posto davvero molto bello. Attraversato da piccoli corsi d’acqua risorgiva è il posto ideale per una passeggiata rilassante e rigenerante. Specialmente in estate, iniziare la giornata con una camminata in questo posto è un vero toccasana sia per lo spirito che per l’umore. Il rumore dell’acqua che scorre, il cinguettio degli uccelli, le numerose libellule e farfalle, gli scoiattoli, i caprioli, i fiori di ogni specie e il fruscio degli alberi sono energia pura.

Qual è il luogo che ti è rimasto nel cuore, quello in cui pensi di aver scattato le tue foto più belle o semplicemente quelle che ti hanno emozionato di più?

I laghi di Fusine  mi emozionano ogni volta come se li vedessi per la prima volta.
Ci vado spesso, li ho visti in ogni veste ma li trovo sempre spettacolari sia con il bello che il brutto tempo, sia in primavera, estate, con i mille colori dell’autunno o coperti dalla neve. Credo di aver fatto lì i miei scatti più belli.

Che rapporto hai con i social?

Con i social ho un buon rapporto. Mi hanno aiutato a conoscere meglio la mia terra, mi hanno permesso di conoscere nuove persone favorendo belle amicizie e mi hanno consentito di essere informata su interessanti iniziative, escursioni, eventi e attività.

Quali preferisci e perché?

I social che utilizzo di più sono Facebook e Instagram. Entrambe mi consentono di condividere le mie foto ed entrambe mi consentono di ammirare i lavori di altri fotografi o appassionati

Da quanto tempo usi Instagram?

Utilizzo Instagram dal 2015. Inizialmente postavo foto fatte con il cellulare

Hai ricevuto altri premi o vinto altri contest?

Ho partecipato a diversi contest e concorsi e alcune volte ho avuto belle soddisfazioni arrivando anche sul podio

Ricevi solo complimenti oppure ti capita anche di ricevere delle critiche sui social?

Ricevo tanti complimenti che mi gratificano e mi incentivano ad andare avanti ma anche critiche di cui faccio tesoro perché mi permettono di imparare, migliorare e  vedere i miei scatti sotto altri punti di vista.

Se potessi proporre un nuovo contest Yallers, quale proporresti e perché?

Penserei a qualcosa che riguardi l’elemento che prediligo, per esempio “le forme dell’acqua”

Grazie mille Paola e ancora complimenti.

 

Yallers Sardegna a La Sagra del Surf 2018: partecipa al Contest!

È sempre tempo di mare in Sardegna: arriva La Sagra del Surf, una manifestazione culturale giunta alla seconda edizione che si propone di valorizzare il connubio tra lo sport e il territorio ospitante della Costa Oristanese e del Sinis.

Il 6 e 7 ottobre tra le zone costiere dell’oristanese, Capo Mannu, Putzu Idu, Mandriola, S’aena Scoada, Sa Rocca Tunda, Su Crastu Biancu e Su pallosu avrà luogo “La Sagra del Surf”.

Due giorni di festa, di cultura e sport faranno da padrone e richiameranno tantissimi partecipanti, sportivi e non, da tutta Italia per un weekend super! Yallers Sardegna ci sarà e racconterà live l’evento. Un programma intenso fatto di conferenze sull’ambiente, corsi di surfing e sport del mare e gare di castelli di sabbia, contribuirà a rendere l’evento ancora più ricco.

Yallers in collaborazione con il comitato de “La Sagra del Surf” propone un contest che valorizzi il territorio del Sinis raccontandolo per immagini: postate le vostre foto su Instagram a partire dal 6 ottobre 2018 fino al 21 ottobre incluso, usando l’hashtag #lasagradelsurfyallers e taggando i profili Instagram @yallerssardegna e @ajosurfers

Le foto che meglio sapranno rappresentare e raccontare il territorio del Sinis e i luoghi dell’evento si aggiudicheranno:

1° classificato: Corso di surf di base offerto da “Is Benas Surf Club”, Corso di un mese con personal trainer mirato al surf o military training in palestra presso l’Asd Lions Club (2 lezioni a settimana per il valore di 200€) e la t-shirt ufficiale Yallers.

2° classificato: Corso SUP race presso l’ASD Eolo Sport Club

3° classificato: Corso di apnea con Davide Carrera (Campione italiano di apnea in carica)

1° classificato tra i soci Yallers: Corso di SUP by Capo Mannu SUP tour

Per ogni vincitore anche la maglietta e il bicchiere ufficiale de La Sagra del Surf !

Foto di Valentino Selis

Non mancate e sommergeteci di foto!

Il presente concorso non è assoggettabile alla disciplina del D.P.R. n. 430/2001 in quanto non costituisce una manifestazione a premio di carattere commerciale.

 

 

Foto del mese Giugno 2018

A Giugno, gli studenti festeggiano perché la scuola è finita e iniziano le vacanze, i lavoratori sono felici perché pensano alle prossime vacanze estive e i fotografi sono consapevoli che una nuova stagione fatta di luci e colori caldi sta per iniziare, un ottimo periodo dell’anno per mettersi all’opera.

Ecco l’intervista al vincitore del contest miglior foto del mese di Giugno.

Ciao Michele, sei l’autore della foto che ha vinto il contest come miglior foto del mese di giugno, complimenti. Come possiamo rintracciarti sul web?
Sul web potete seguirmi sulla mia Pagina Instagram michelerossettiphotography o su Facebook sempre alla pagina Michele Rossetti Photography e tra poco anche sul mio nuovo sito web ancora in fase di Sviluppo

Ricordi quando è stata scattata la foto vincitrice del mese di febbraio, in quale momento della giornata e in quale luogo?
La foto è stata scatta al Lago Aviolo nel Parco dell’Adamello in Vallecamonica poco dopo l’Alba.

Raccontaci come mai ti trovavi nel luogo in cui hai scattato la foto?
E’ un luogo a me molto caro e sapevo che in quel periodo erano presenti i rododendri lungo le sponde del laghetto e cosi non mi sono lasciato perdere l’occasione.

E’ un luogo in cui vai spesso, è la tua regione o ci sei stato in vacanza o ti trovavi lì per caso?
Si è un luogo che frequento spesso perché mi ha dato molte soddisfazioni e cerco di catturare la sua essenza ad ogni cambio di stagione.

Cosa hai provato realizzando questo scatto?
Realizzando lo scatto mi sono subito sentito felice ed emozionato perché sapevo le condizioni del laghetto ma speravo in una bella giornata e in una bella specchiata delle montagne e quando parti da casa alle 4 del mattino speri sempre di trovare le condizioni che tanto cerchi.

Hai seguito il tuo istinto o lo scatto ha richiesto una preparazione particolare?
In quei luoghi cosi affascinanti e belli lo scatto viene da se, ripeto, la condizione atmosferica influisce molto sullo scatto e quel giorno sono stato fortunato.

Come hai eseguito lo scatto?  Usi il cellulare o hai una macchina fotografica?
Lo scatto è stato fatto con una Nikon, una macchina reflex digitale, per la precisone una D850.

Hai ritoccato questa foto? Se si, come?
Ritoccato… ritoccare una foto per me significa cambiare, creare o modificare qualcosa che inizialmente non è presente nella scena che i tuoi occhi vedono e che riesci ad imprimere premendo il pulsante di scatto… io ho semplicemente sviluppato un file grezzo nativo dalla reflex, attraverso programmi come Lightroom e Photoshop

Per te la fotografia rappresenta una passione o è il tuo lavoro? Come è nata la tua passione per la fotografia e da quanto tempo ti piace fotografare?
Per me la fotografia rappresenta prima di tutto una grande passione perché senza la passione e la voglia di scoprire nuove location e nuovi ambienti il tutto svanirebbe in pochi mesi o anni. Io fotografo da circa 6 anni ma da quando sono entrato a far parte come fotografo ufficiale per l’agenzia fotografica Clickalps posso dire che è diventato anche un lavoro.

Quali sono i soggetti che ti piace fotografare?
Amo fotografare le specchiate alpine e i cambiamenti delle stagioni in montagna, le fioriture e il cambio d’abito attorno ai laghetti alpini.

Ti piace viaggiare per fotografare posti sempre nuovi? Se sì preferisci rimanere all’interno della tua regione oppure hai la possibilità di spostarti anche in altre regioni?
Mi piace molto viaggiare e vedere posti nuovi sempre in compagnia della mia reflex, ogni viaggio è impostato sulla scoperta e sulla fotografia, non riesco a viaggiare senza portare a casa un ricordo che sia legato alla fotografia.

Sapresti indicarci un posto nella tua regione in cui secondo te vale la pena andare per scattare delle foto, un luogo magari poco conosciuto?
Ci sono moltissimi posti nella mia regione da visitare e fotografare, in primis il Lago d’Iseo e la Franciacorta visto che ci vivo, ma anche la Vallecamonica, in special modo vi consiglio il Lago Aviolo.

Qual è il luogo che ti è rimasto nel cuore, quello in cui pensi di aver scattato le tue foto più belle o semplicemente quelle che ti hanno emozionato di più?
Ogni luogo ha una sua storia, una sua unicità, ho dedicato molto tempo alle “mie” montagna della Vallecamonica e loro mi hanno dato tante soddisfazioni. Uno dei luoghi del cuore è sicuramente il Lago Aviolo dove ritorno molto spesso anche se l’ho fotografato in tutte le salse e in tutte le condizioni atmosferiche possibili ma quando sono lassù tutto è come se io lo vedessi per la prima volta.

Che rapporto hai con i social? Quali preferisci e perché? Da quanto tempo usi Instagram?
Uso molto i social per promuovermi, per valorizzare il mio lavoro e per mostrare a tutti la mia passione. Quello che più uso è Instagram, che uso da circa un anno e mezzo.

Hai ricevuto altri premi o vinto altri contest?
Non partecipo quasi mai a contest però a quei pochi a cui ho partecipato mi è capitato di vincere. Poi ho vinto Il Verona n Film Festival, un festival dedicato alla montagna.

Ricevi solo complimenti oppure ti capita anche di ricevere delle critiche sui social?
Sui social a volte capita di ricevere delle critiche ma è sempre bello confrontarsi e poi far capire alle persone che la mia fotografia richiede enormi sacrifici e che c’è poco fatto al pc.

Cosa pensi di Yallers, conoscevi già la nostra community?
La community Yallers l’ho conosciuta tramite Instagram e devo dire che è proprio una gran bella community, fatta di persone che amano la fotografia.

Se potessi proporre un nuovo contest Yallers, quale proporresti e perché?
Un nuovo contest? Perché no. Penso che proporrei i Laghi alpini.

Grazie e complimenti ancora Michele!

Filottrano Experience: il racconto della giornata alla scoperta del borgo medioevale

Filottrano è una perla Marchigiana dove la storia si mescola all’arte: una piccola realtà che guarda al futuro senza dimenticare il passato.

L’experience è nata dal desiderio di alcuni ragazzi filottranesi che, con grande impegno, portano avanti le antiche tradizioni di questa cittadina dando lustro alle usanze popolari del proprio Territorio.

Con la gentile collaborazione del Comune di Filottrano, la disponibilità di Chiara Moriconi e dell’associazione La società dello stivale, è stato possibile visitare in esclusiva i bellissimi Musei del borgo, solitamente chiusi al pubblico, e vivere un’esperienza medioevale con i fiocchi!

Armati di curiosità, nelle prime ore del pomeriggio, i soci Yallers hanno potuto ammirare il bellissimo Museo del Biroccio: una bomboniera nel cuore di Filottrano, che con i suoi esemplari esposti rappresentano una testimonianza dei costumi e del folclore locale. All’interno del museo i soci Yallers hanno anche assistito ad uno spettacolo in costume con danze e balli tipici.

Da qui si è poi proseguito il tour verso la Chiesa di San Cristoforo dove si è ammirata la piccola cappella affrescata, anche questa solitamente chiusa al pubblico.

A seguire il Palazzo Gasparri ha lasciato a bocca aperta tutti i soci Yallers: è infatti un edificio di struttura seicentesca al centro di Filottrano, giunto fino a noi nella sua struttura abitativa e funzionale originaria. L’inestimabile tesoro storico culturale contenuto al suo interno ha preso vita grazie alle spiegazioni delle guide.

Prima di concedersi una passeggiata al tramonto per i vicoli Filottranesi una piccola tappa al Palazzo Accorretti ci ha permesso di godere del Salone Rinascimentale e del Museo della Battaglia di Filottrano custodito al suo interno.

Verso l’ora di cena il suono di una marcia di Tamburi ha dato il via ad un Corteo Storico che ha accompagnato i soci Yallers alla cena medioevale. Una cena rievocativa dove Dame e Cavalieri in tenuta storica banchettavano in nostra compagnia tra spettacoli di fuoco, Sbandieratori e Cannonieri e filastrocche cantate dai Giullari di Corte.

[penci_video url=”https://youtu.be/uUEMHAYjS9w” align=”center” width=”” /]

Questo evento ci ha dato la possibilità di avere un assaggio di quello che è il clima che si respira nella città di Filottrano durante la festa medioevale della “contesa dello stivale”: noi vi consigliamo di non perdervela e di partecipare dal 2 al 5 Agosto 2018.

Ora però è l’ora della premiazione delle 3 foto che meglio raccontano la giornata e che si aggiudicano il contest dedicato con relativi premi!

Pronti? Partiamo dal gradino più basso del podio che si aggiudica un cesto di prodotti tipici e uno storico libro di ricette: congratulazioni Marco Giuli!

Marco Giuli

Marco Giuli

Al secondo posto troviamo una foto di Luca Mengoni che si aggiudica un accesso gratuito al corteo di domenica 05 agosto e riceverà un buono pasto per due da consumarsi presso gli stand gastronomici della Contesa dello Stivale!

Luca Mengoni

Luca Mengoni

Il primo posto, che si aggiudica l’ingresso OMAGGIO per DUE persone al palco, in abito medievale, per gli spettacoli e il corteo di domenica 05 agosto + un buono pasto per due valido negli stand gastronomici della Contesa dello Stivale, se l’è meritato Renato Ribichini.

Renato Ribichini

Renato Ribichini

Complimenti comunque a tutti coloro che hanno partecipato all’Experience e che hanno condiviso i loro scatti!

Se vuoi vedere le foto dei soci Yallers scattate durante l’experience non ti resta che entrare nel nostro gruppo Facebook YallersMarche , o cercarci su Instagram (@yallersmarche).

Se vuoi partecipare ad altri eventi simili a questo non ti resta che iscriverti: diventa Yallers anche tu, puoi farlo qui .

Foto del mese Aprile 2018

Ciao Yallers! Finalmente vi possiamo svelare chi è il vincitore del nostro contest Foto del mese Aprile 2018.
Scegliere il vincitore del contest Foto del mese di aprile non è stato semplice. Sono stati tanti gli scatti che ci ha fatto sognare. Tra gli scatti selezionati alla fine i primi tre classificati sono:
al terzo posto la Lombardia con il bellissimo Parco delle Incisioni Rupestri di Grosio. Al secondo posto la Calabria, con la suggestiva Arco Magno, San Nicola Arcella. A vincere e a classificarsi al primo posto è stato uno scatto al tramonto della splendida Matera, una foto davvero molto romantica.

Ecco a voi l’intervista al primo classificato del contest foto del mese di Aprile.

Ciao Luca, complimenti per essere arrivato il primo nella classifica nazionale del nostro contest mensile “Foto del Mese”.

Raccontaci come mai ti trovavi nel luogo in cui hai scattato la foto?
Ero nella bellissima Matera in vacanza e mi trovavo in quel preciso luogo, perchè era la terrazza della dimora dove avevo scelto di pernottare.

E’ un luogo in cui vai spesso, è la tua regione o ci sei stato in vacanza o ti trovavi lì per caso?
Già l’anno precedente ero stato a Matera, un luogo magico secondo me, forse è anche per questo che sono ritornato anche quest’anno.

Cosa hai provato realizzando questo scatto?
Una forte emozione sicuramente.

Hai seguito il tuo istinto o lo scatto ha richiesto una preparazione particolare?
Un minimo di preparazione è stata necessaria, anche perchè è stato usato un cavalletto.

Come hai eseguito lo scatto?  Usi il cellulare o hai una macchina fotografica?
La foto è stata fatta con una reflex

Hai ritoccato questa foto? Se si, come?
E’ stata ritoccata con photoshop per preservare il più possibile luci e ombre.

Per te la fotografia rappresenta una passione o è il tuo lavoro? Come è nata la tua passione per la fotografia e da quanto tempo ti piace fotografare?
La fotografia è sempre stata la mia passione come la pittura fin da bambino, da parecchi anni è anche la mia professione, ho iniziato i miei primi lavori nel 1985.

Quali sono i soggetti che ti piace fotografare?
Non c’è un soggetto in particolare, se è per lavoro fotografo ciò che mi viene proposto, che sia un’azienda, un ristorante, una persona, una cerimonia, un prodotto, ecc..  Personalmente adoro i paesaggi, i fiori, la mia ultima mostra a Verona “Proiezioni floreali” è stata dedicata alla natura, quattro anni di scatti fatti da Castelluccio di Norcia, alla Provenza, parco Giardino Sigurtà per finire i fiori e le orchidee della mia zona la Valpolicella, in questo caso ho usato ottiche che ho trasfomato e riadattato per le mie aparecchiature fotografiche, uno di questi è il fantastico TRIOPLAN, sono anche uno dei Polaroiders d’Italia, ho esposto a Roma Milano e Berlino all’Ambasciata Italiana.

Ti piace viaggiare per fotografare posti sempre nuovi? Se sì preferisci rimanere all’interno della tua regione oppure hai la possibilità di spostarti anche in altre regioni?
La fotografia è parte integrante dei miei viaggi.
Per fortuna anche la mia famiglia è appassionata di viaggi e fotografia.

Sapresti indicarci un posto nella tua regione in cui secondo te vale la pena andare per scattare delle foto, un luogo magari poco conosciuto?
Io vivo in Valpolicella, ma la mia regione il Veneto offre veramente tanto, dalle montagne bellunesi, alla spettacolare zona di Treviso, Venezia, che ho fotografato migliaia di volte, sono uno dei fotografi della Mostra del Cinema di Venezia, poi il Lago di Garda e tutta la mia zona Verona, lagho colline, città e Monti Lessini.

Qual è il luogo che ti è rimasto nel cuore, quello in cui pensi di aver scattato le tue foto più belle o semplicemente quelle che ti hanno emozionato di più?
In ogni viaggio si racchiude un’emozione negli scatti che faccio, dall’Irlanda alla Grecia, all’Africa, passando da New York, Londra, Parigi, Berlino, la nostra bella Italia, Matera devo dire che ha qualcosa di magico, il suo silenzio esce dai miei scatti.

Che rapporto hai con i social e qual’è il tuo social network preferito?
Buono, ma il lavoro mi occupa tantissimo tempo, arrivo a fare anche 18 ore di lavoro, dormo pochissimo. Instagram è il canale che preferisco.

Da quanto tempo usi Instagram?
Sono su Instagam dal 2012

Hai ricevuto altri premi o vinto altri contest?
Si con Polaroid

Ricevi solo complimenti oppure ti capita anche di ricevere delle critiche sui social?
Generalmente tutti complimenti.

Cosa pensi di Yallers, conoscevi già la nostra community?
Si siete  una bella community.

Se potessi proporre un nuovo contest Yallers, quale proporresti e perché?
E’ difficile trovare visto che si è già fatto di tutto.
Un Contest potrebbe essere comunica con uno scatto un pensiero, un’emozione, un oggetto che ti rappresenta.

Grazie Luca!

Foto del mese Febbraio 2018

Ciao Yallers! Finalmente vi possiamo svelare chi è il vincitore del nostro contest Foto del mese Febbraio 2018.

Febbraio è il mese più corto dell’anno, quello in cui ci si maschera e si festeggia il carnevale, un mese in cui tutto il paesaggio è imbiancato. Su Instagram la neve ha fatto da padrone e anche il nostro podio ne ha risentito. E’ stato complicato scegliere il migliore dei tanti paesaggi italiani imbiancati che avete immortalato, ma alla fine abbiamo trovato un vincitore.

Ecco a voi l’intervista al primo classificato del contest foto del mese di Febbraio 2018.

Ciao Alessandro, sei l’autore della foto che ha vinto il contest come miglior foto del mese di Febbraio, complimenti. Come possiamo rintracciarti sul web?
Grazie innanzitutto al fantastico gruppo Yallers che mi ha dato la possibilità di partecipare al contest e complimenti veri anche a tutti gli altri partecipanti e vincitori. Sono davvero tutte fotografie notevoli. Sul web è possibile trovarmi su Instagram come @a_mari89 oppure sul mio profilo Facebook (Alessandro Mari), su 500px.com (Alessandro Mari) oppure sul mio sito web alessandromari.myportfolio.com

Ricordi quando è stata scattata la foto vincitrice del mese di febbraio, in quale momento della giornata e in quale luogo?
Certo, la foto è stata scattata al tramonto, verso la fine di dicembre 2017, presso la Chiesetta di Santa Maria della Pietà a Rocca Calascio in Abruzzo.

Raccontaci come mai ti trovavi nel luogo in cui hai scattato la foto?
Mi trovavo lì insieme a due miei amici con i quali condivido la passione della fotografia. Spesso e volentieri prendo la macchina, il mio zaino fotografico e parto alla ricerca di luoghi da fotografare. Mi piace portare alla luce posti della mia regione, l’Abruzzo, ancora poco conosciuti o poco valorizzati, per mezzo della fotografia.

E’ un luogo in cui vai spesso, è la tua regione o ci sei stato in vacanza o ti trovavi lì per caso?
Sì, si trova ad una cinquantina di chilometri da casa mia ed è un luogo in cui cerco di recarmi almeno un paio di volte l’anno per apprezzarlo nelle differenti sfumature di colore che le stagioni gli conferiscono.

Cosa hai provato realizzando questo scatto?
In quel momento ero davvero stupefatto dalla luce che stava venendo fuori dalle nuvole. Fino a pochi minuti prima la vallata era totalmente grigia e coperta, ma poi, proprio nell’istante in cui il sole stava per nascondersi oltre l’orizzonte, le nubi si sono diradate e hanno regalato questo incredibile scenario.

Hai seguito il tuo istinto o lo scatto ha richiesto una preparazione particolare?
Sul luogo c’erano altre persone che ammiravano e fotografavano questo spot incredibile, ma erano tutti rivolti verso il sole cercando di immortalarlo prima che si nascondesse oltre la montagna. Io ho preferito concentrarmi sulla luminosità particolare che questa luce stava regalando alla chiesetta e alla vicina vallata. Ho perciò fotografato in senso opposto al tramonto ed è stata forse la scelta migliore.

Come hai eseguito lo scatto?  Usi il cellulare o hai una macchina fotografica?
Ho eseguito lo scatto utilizzando la mia “fedele” Canon 6D insieme all’inseparabile lente Canon EF 16-35 f/4 L IS USM e al treppiede.

Hai ritoccato questa foto? Se si, come?
Ho ritoccato questa foto con Adobe Photoshop CC, pur mantenendo minime le modifiche per conferire maggiore naturalezza allo scatto.

Per te la fotografia rappresenta una passione o è il tuo lavoro? Come è nata la tua passione per la fotografia e da quanto tempo ti piace fotografare?
La fotografia è la mia più grande passione, alla quale cerco di dedicare, per quanto possibile, una buona parte del mio tempo libero. In particolare, cerco di abbinare la mia grande passione per i viaggi a quella per la fotografia.

Quali sono i soggetti che ti piace fotografare?
Amo fotografare paesaggi in generale ed in particolare quelli montani, specialmente durante la stagione autunnale o invernale. Amo i colori ed il mood particolarmente dark che questi periodi regalano al paesaggio e alla fotografia.

Ti piace viaggiare per fotografare posti sempre nuovi? Se sì preferisci rimanere all’interno della tua regione oppure hai la possibilità di spostarti anche in altre regioni?
Adoro viaggiare. Quando posso mi muovo al di fuori dell’Abruzzo o all’estero, sfruttando anche i numerosi viaggi che faccio per lavoro. Quando sono “a casa”, cerco comunque di muovermi all’interno della mia regione tentando di scoprire posti nuovi e inesplorati, ce ne sono moltissimi.

Sapresti indicarci un posto nella tua regione in cui secondo te vale la pena andare per scattare delle foto, un luogo magari poco conosciuto?
Ovviamente Rocca Calascio è uno dei posti magici dell’Abruzzo, così come tutto il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Se si va alla ricerca di luoghi ed escursioni avventurose, a mio avviso il Parco Nazionale della Majella regala scorci, fiumi, cascate e sentieri montani davvero mozzafiato.

Qual è il luogo che ti è rimasto nel cuore, quello in cui pensi di aver scattato le tue foto più belle o semplicemente quelle che ti hanno emozionato di più?
Nella mia regione ci sono moltissimi luoghi che ho nel cuore, uno di questi è Rocca Calascio per l’appunto. Tuttavia l’avventura più emozionante e le fotografie che mi hanno segnato più delle altre le ho fatte in Islanda, in particolare quelle scattate sia durante l’Aurora Boreale che durante l’escursione nelle grotte di ghiaccio al di sotto del ghiacciaio Breiðamerkurjökull.

Che rapporto hai con i social?
Utilizzo molto i social ma solamente per condividere le mie fotografie e per prendere ispirazione da alcuni grandi fotografi ed ovviamente per seguire voi ragazzi di Yallers.

Quali preferisci e perché?
Preferisco Instagram perché è più facile trovare contenuti fotografici di spessore. Queste foto, per di più, sono scattate nei luoghi più disparati dell’Italia e del Pianeta. Da queste spesso e volentieri, traggo ispirazione per la pianificazione dei miei viaggi.

Da quanto tempo usi Instagram?
Sono iscritto ad Instagram da circa cinque anni, ma lo utilizzo più seriamente da un anno e mezzo circa.

Hai ricevuto altri premi o vinto altri contest?
Ho ricevuto alcune pubblicazioni su riviste fotografiche e una copertina sul sito internet italiano del National Geographic.

Ricevi solo complimenti oppure ti capita anche di ricevere delle critiche sui social?
La maggior parte delle volte sono complimenti, ma anche le critiche sono necessarie per crescere e migliorarsi.

Cosa pensi di Yallers, conoscevi già la nostra community?
Seguo Yallers da molto tempo, seguo anche le vostre pagine Instagram regionali con molto piacere. Sono felice di trovare spesso condiviso qualche mio scatto sulla pagina Yallers Abruzzo.

Se potessi proporre un nuovo contest Yallers, quale proporresti e perché?
Le vostre proposte sono già davvero allettanti, magari, non saprei, un contest sui luoghi più misteriosi d’Italia con le leggende ad essi legate, potrebbe essere interessante.

Grazie Alessandro!

Borghi e campagne

Marzo è il mese della Primavera. Uscite e spargetevi per le campagne italiane che circondano i nostri meravigliosi borghi!

Finora vi abbiamo sempre chiesto di esplorare i borghi italiani dall’interno. Vi abbiamo sfidato a immortalarne dettagli,  situazioni e momenti di vita.

Stavolta, insieme alla redazione di Borghi Magazine, abbiamo deciso di cambiare prospettiva. Il prossimo contest si svolgerà interamente all’esterno dei borghi italiani!

Da oggi fino al 15 marzo avete tempo per raccogliere la nostra sfida: scattare le vostre foto e postare le migliori usando l’hashtag #borghiecampagne.

Vogliamo vedere i nostri splendidi paesaggi italiani attraverso i vostri occhi. Il vostro obbiettivo quindi è trasmetterci le vostre emozione, di fronte a certi spettacoli tipicamente italiani: borghi incastonati tra le rocce, arroccati su promontori, immersi tra le colline etc.

Come sempre le foto più meritevoli, verranno pubblicate sulla rivista Borghi Magazine, all’interno della rubrica “Se fotografando”, ed entreranno a far parte di una rubrica dedicata sul nostro sito.

Per partecipare vi ricordiamo che basta condividere le vostre foto su Instagram e Facebook, con i propri profili pubblici, utilizzando l’hashtag #borghiecampagne entro il 15 marzo a mezzanotte.

Ancora una volta, in bocca al lupo!

Foto di Piero Quadrini

12