Premiazioni

#YallersHalloween: chi sono i vincitori del contest?

Halloween è considerata una festività lontana dalle nostre tradizioni. Esistono invece testimonianze di festeggiamenti molto simili alla notte delle streghe un po’ in tutte le regioni italiane.
Per valorizzare una tradizione che è ormai entrata a far parte della nostra vita quotidiana, il team Yallers ha voluto indire un contest fotografico a tema Halloween.

L’hashtag #yallershalloween è stato utilizzato circa 500 volte su post di Instagram e di Facebook.
Le foto che hanno partecipato al concorso hanno saputo raccontare alla perfezione il tema scelto, ovvero la festa di Halloween nel nostro Paese. I simboli tipici di questa tradizione sono stati contestualizzati dagli autori in paesaggi italiani riconoscibili.
La scelta è quindi ricaduta su tre foto molto belle e simboliche.

Il terzo posto è andato a @mathaicarving (foto da instagram) con la sua incredibile zucca immortalata presso le Mura dello Scorticatore di Corinaldo (An), nelle Marche.

halloween-3-posto

Il secondo posto è andata alla fantasiosa rivisitazione della favola di Biancaneve di @onyourmap (foto da instagram) sullo sfondo della Cattedrale di Bitonto (Ba) in Puglia.

halloween-2-posto

A conquistare il gradino più alto del podio, la stupenda foto di @andreaskull (foto a instagram) realizzata a Sassari (Cagliari) in Sardegna prendendo spunto da una macabra leggenda.

halloween-1-posto

Abbiamo chiesto proprio a lui come è nata questa idea e tante altre curiosità sulla sua attività di fotografo. Qui di seguito l’intervista!

Ciao Andrea, sei il vincitore del contest di Yallers Halloween. Innanzitutto complimenti! Vorremmo sapere qualcosa in più su di te. Quando nasce la tua passione per la fotografia? È un hobby o qualcosa di più?
Grazie mille, non mi aspettavo di vincere ma avevo in mente da un anno di scattare una foto con ambientazione Halloween legata alla Sardegna e sono stato molto felice di vincere. La mia passione per la fotografia in realtà è molto recente, risale a solo un anno e mezzo fa, quando ho iniziato a cimentarmi sempre più frequentemente con quest’arte. Io infatti per professione sono un parrucchiere. La passione per la fotografia nasce invece insieme e grazie ad un mio grande hobby che è quello del trekking. Vado spesso a fare lunghe camminate in Sardegna dove immortalo gli stupendi paesaggi che la mia regione offre. Amo la fotografia naturalistica, paesaggistica e faunistica con un tocco di creatività.

Da quanto tempo e perché usi Instagram? Cosa ne pensi di questo social interamente dedicato al mondo della fotografia?
La passione e l’utilizzo di Instagram nasce in concomitanza con quella della fotografia e delle passeggiate naturalistiche. Penso che Instagram possa dare molta visibilità a chi ama la fotografia e anche a chi lo fa per professione. È un mondo molto vario dove troviamo un po’ di tutto ma sicuramente positivo perché permette di crescere velocemente e scoprire altri fotografi e luoghi nuovi stupendi.

Quando hai deciso di partecipare al concorso?
Avevo intenzione di fare la foto da un bel po’, da quando circa un anno fa su un social network ho letto di una leggenda particolare, ambientata nella zona di Sassari. Da quel momento ho aspettato il momento giusto per scattare, che è arrivato appunto in concomitanza con Halloween e con il vostro contest, che ho trovato adatto al tema che avevo scelto. Diciamo che è caduto proprio a pennello.

Come ti è venuta l’idea dello scatto? Raccontaci un po’ l’origine della tua foto, così legata alla tua regione e alla festività di Halloween.
L’idea dello scatto nasce appunto da questa antica leggenda sarda, la leggenda di Nostra Signora di Paulis ambientata nella zona di Sassari, che narra di un fantasma vestito in abito talare. Lo spirito che da vita alla leggenda è quello di un uomo, che si dice per anni sia vissuto lì dopo aver ricostruito l’abbazia, e che poi in seguito sia morto. Rimasto affascinato tempo fa da questa leggenda ho pensato che avrei voluto raccontarla attraverso una fotografia. Ed Halloween era sicuramente il momento giusto per farlo. Ed ecco lo scatto!

Con quale fotocamera o smartphone hai realizzato questo scatto?
Ho scattato con la mia NikonD 7200, vista la scena buia con cavalletto e ISO molto alto, a 1600. Uno scatto di 15 secondi.
Quanta preparazione c’è dietro il tuo scatto? Hai dovuto allestire la scenografia con cura o è stato molto tutto molto veloce?
Il mio scatto ha richiesto sicuramente una preparazione accurata, innanzitutto recarsi appositamente in un luogo specifico lontano da casa circa 500 km. Poi l’allestimento della scena, l’aiuto di un caro amico che è stato il soggetto della foto, interpretando il fantasma. La vestizione e la scenografia, col fuoco acceso. Insomma, il tutto abbastanza curato, ma è stato anche divertente. Per ringraziarlo condividerò il soggiorno premio con il mio amico aiutante…

Che ne pensi del progetto Yallers e dei contest fotografici a tema?
È stata davvero una piacevole sorpresa vincere, non me lo aspettavo e sono stato proprio contento, anche perché vi seguo sempre e non capita facilmente di essere pubblicati su Yallers Italia e Yallers World, quindi un vero onore. Inoltre penso che facciate un lavoro stupendo facendo conoscere il territorio e che il contest sia stato organizzato davvero bene. Ho notato la differenza, spesso alcuni contest vengono organizzati così su due piedi, senza cura e vengono premiate delle foto non attinenti. Stavolta invece le foto premiate hanno rispettato in pieno il tema e il regolamento. Grazie di cuore a voi e complimenti!

Related Posts